#335 - 9 settembre 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
conoscenza

Dialetto

di Amanzio Possenti

Dialetto

Si continua a discutere - ancora recentemente sulla stampa e in Tv - fra articoli di competenti, propositi e slanci di affetto, su funzione, presenza e valore del dialetto nella cultura contemporanea. Mentre si leggono le più diverse opinioni a sostegno o contro e il tema coinvolge i social, ne consegue il riproporsi di antiche diatribe.
Posto che esso ha valenza sociale che travalica l’oggi distinguendosi per la forza propulsiva proveniente dal passato, ci si chiede perché si vada perdendo o riducendo il fascino in una realtà fatta di giusto e unificante utilizzo della bella e nobilissima lingua italiana: la nostra identità extralocale.

Dialetto

Di fatto i giovanissimi, gli adolescenti e i giovani adulti raramente si esprimono in vernacolo, che spesso non comprendono e nemmeno sanno leggere; le persone più avanti nell’età lo conoscono e lo capiscono ma cominciano ad evitarne la normalità di uso, rimasto solido, pur se non totale, fra gli anziani ultrasettantenni per i quali il dialetto è linguaggio abituale dall’infanzia casalinga.
Si osserverà che non sarebbe il caso di dedicarvi attenzione speciale visto che ognuno si comporta come crede nella propria quotidianità verbale: tuttavia si rischierebbe di dimenticare che il dialetto è forma di vita e di comunità, capace di andare al di là del semplice strumento comunicativo per trasformarsi in anello di congiunzione portatore di saggezza sociale. E ancor più familiare. E’ bene ricordare che sbriga rapporti, ricuce posizioni, permea di sensibilità il fondo autentico di un’umanità che ha bisogno di ritrovare consuetudini di affetto e di partecipazione: non che la lingua italiana non ne abbia la forza creativa, che è comunque assai intensa, ma di certo non esercita la funzione-ruolo che in taluni casi proviene dall’essenza dialettale, popolaresca: qualunque sia il dialetto, della propria terra di origine o di altra parte del territorio nazionale. La sponda dei dialetti è cruciale.

Dialetto

Fonte – ed effetto - di familiarità, di gusti e di affetti, di sensibilità comuni, di vicinanza, di emozioni partecipi, di socialità condivisa, parlato, letto e ascoltato opera positivamente, segno e stimolo di serenità e di armonia. Simbolo di costumi comuni nei quali la tradizione linguistica non cesserà mai di agire e di coinvolgere, è un archivio di storia ineludibile.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.