#333 - 24 giugno 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Costume e Società

Narrazione

di Amanzio Possenti

Va molto di moda ascoltare nei dibattiti TV la parola narrazione. Finora la si conosceva e la si utilizzava perlopiù nelle critiche letterarie.
E’ stato però effettuato un salto.. strumentale, conferendole una onnivalenza, dall’uso politichese (soprattutto) a quello di ricorso in qualsiasi evenienza. Ne siamo invasi come gli assolutamente sì o no – dizione consueta che ha perduto il valore di eccezionalità e discrezione - oppure l’avverbio già ,entrato forzatamente in ogni conversazione.

Narrazione

Niente di grave in sé, salvo per linguisti e puristi; di fatto accompagna un po’ tutto sino a proporsi come modo di esprimersi valido per ogni frittata.
Pare che quanti ne fanno uso sistematico, principalmente i politici, vi si ritrovino volentieri, a loro agio. Una sorta di ’mantra’ che funziona pur non narrando niente come invece si pretenderebbe.
Ne ascoltiamo la facilità d’uso quasi fosse un termine onnicomprensivo, soprattutto quando – e accade spesso - si confrontano o si scontrano le opinioni dell’x verso lo y e si scatena la bagarre verbale con il proposito di.. trascinare l’ascoltatore, un po’ sordo o indifferente, alle chiacchiere di parte. La ’narrazione‘ - si fa sapere - è questa non l’altra o viceversa, lasciando intendere trattarsi di un fondamentale informativo: nella realtà è il codicillo di una polemica vetusta e ripristinata come nuova. Quanto suscitatrice di svolta dialettica?

Di narrazione in narrazione il tema e la connessa scelta si modificano e lo spettatore ne deve rincorrere lo sviluppo procedurale. La posizione ‘A’ viene rielaborata, riproposta e servita in altri aspetti, quella ‘B’ di conseguenza subisce aggiustamenti. Si rende necessaria un’altra ’narrazione’: che fa comodo, poichè, in sostanza, narrare non è necessariamente omologare, bensì soltanto parlare. Le mille parole si mischiano e sovente si dimenticano.
Così si va avanti senza più sorprendersi e la ’narrazione’ si trasforma in strumento verbale universale : ‘allora tanto meglio farsela propria...’ , si commenta. Essa sembra promuovere necessità (?) di dialogo: la forma si fa contenuto.
Uno dei possibili (e inaccettabili) risvolti.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.