#325 - 4 marzo 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Ambiente

Dal Nilo allo Yangze, passando per il Danubio e il Mekong.
Così la mano dell’uomo ha sfigurato i corsi d’acqua più belli e importanti del pianeta.

Acqua morta

I 10 fiumi più inquinati del mondo

Molti fiumi in tutto il mondo sono sottoposti a grave stress per diverse ragioni. Inquinamento, pesca, grandi dighe e canali artificiali sono le principali cause dello sconvolgimento di interi ecosistemi che si sono sviluppati nel tempo lungo i corsi d’acqua. La popolazione di animali viene decimata quotidianamente, così come la deforestazione fa terra bruciata della rigogliosa flora. Gli impatti dell’attività umana sui fiumi sono particolarmente evidenti in alcune aree del mondo: questa è una lista delle prime 10.

Acqua morta

1. Rio Bravo (Messico e Stati Uniti)

Il Rio Bravo o Rio Grande è il più importante confine naturale tra gli Stati Uniti e il Messico: a causa della costruzione di dighe e canali di irrigazione per deviare le acque verso i campi coltivati e le città, gravi siccità hanno colpito l’area. Il volume del grande fiume diminuisce giorno per giorno, e le sue acque sono inquinate dagli scarichi di varie industrie.

Acqua morta

2. Danubio (Europa centrale)

In Germania e in Austria, il “bel Danubio blu” è rimasto soltanto nei testi del celebre valzer di Johann Strauss jr. Decine di impianti di lavorazione e produzione della plastica sorgono sulle sue rive e danneggiano l’ambiente. In acqua vi è un eccesso di nutrienti, soprattutto da fertilizzanti. A questo problema si aggiunge un cattivo trattamento delle acque reflue, che aumenta l’inquinamento.

Acqua morta

3. Elk River (Virginia, Stati Uniti)

La più grande e grave fuoriuscita di sostanze chimiche nel fiume Elk è avvenuta il 9 gennaio 2014, quando una schiuma (MCHM) utilizzata per lavare il carbone e rimuovere le impurità che contribuiscono all’inquinamento durante la combustione, è stata rilasciata nell’acqua. Dopo questo sversamento accidentale, più di 300 mila residenti in West Virginia sono rimasti senza accesso all’acqua potabile per settimane. Ancora oggi, l’equilibrio ambientale è compromesso.

Acqua morta

4. Fiume Gange (India)

Situato nel nord dell’India, questo fiume è diventato una discarica di resti umani, industriali e corpi animali. Circa un miliardo di litri di liquami non trattati vengono scaricati ogni giorno nel fiume. La rapida crescita della popolazione dell’India, insieme a normative permissive del settore, ha portato enormi pressioni sul corso d’acqua più importante del Paese. Migliaia di corpi umani e animali vengono cremati sulle sue rive o gettati nella corrente, nella speranza che le loro anime possano accedere al Paradiso.

Acqua morta

5. Fiume Indo (India, Pakistan e Cina)

Gravemente danneggiato dai cambiamenti climatici, l’Indo è evaporato quasi totalmente. La pesca e gli scarichi industriali non hanno certo aiutato a risolvere il problema.

Acqua morta

6. Fiume Mekong (Sud-Est asiatico)

Alti livelli di arsenico nelle acque del Mekong hanno devastato quasi 1.000 chilometri di ecosistema, tanto da far sì che venga oggi considerato un fiume che muore, con il suo ambiente naturale irreparabilmente compromesso. Le mangrovie sono state convertite in risaie e allevamenti di pesci, annichilendo un corso d’acqua prezioso.

Acqua morta

7. Fiume Murray-Darling (Australia)

L’introduzione di specie alloctone ha modificato l’ecosistema del fiume, che scorre nella parte meridionale dell’Australia. Nove diverse specie di pesci e sono state dichiarate in via di estinzione a causa dell’introduzione delle carpe. Questi animali hanno contribuito al degrado ambientale del fiume e dei suoi affluenti, distruggendo la flora acquatica e aumentando l’opacità dell’acqua.

Acqua morta

8. Nilo (Egitto)
Considerato tradizionalmente il fiume più lungo del mondo, anche il Nilo non è estraneo alla contaminazione. Ha visto estinguersi circa 30 specie diverse di pesci a causa di rifiuti organici e industriali scaricati deliberatamente in acqua.

Acqua morta

9. Fiume Salween (Sud-Est asiatico)

Questo fiume è considerato il più inquinato del mondo. Fino a un decennio fa, parte delle sue acque era tuttavia pura e incontaminata. Tuttavia, deviando il suo corso, le popolazioni locali hanno distrutto il delicato equilibrio. Le sue acque presentano oggi un alto livello di cadmio, rame, piombo, mercurio e zinco.

Acqua morta

10. Fiume Yangtze (Asia centrale)

Rifiuti, pesticidi e fertilizzanti hanno quasi annientato il fiume più lungo del continente asiatico. Dalla sua origine nell’altopiano del Tibet, il magnifico Yangtze si estende per quasi 6.400 chilometri, sfociando nel mare dal porto di Shanghai. La sua devastazione è stata causata dallo sviluppo di infrastrutture di energia idroelettrica, inondazioni, deforestazione, inquinamento, sedimentazione, distruzione delle zone umide e interruzione dei flussi idrici.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.