#307 - 21 maggio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

FRammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Sono trascorsi due anni e oltre, e ancora oggi i virologi non disdegnano di accapigliarsi sul covid: il professor Bassetti, dal pulpito di “Carta Bianca”, esorta i telespettatori a vaccinarsi e a non disattendere l’appuntamento con i già frequenti booster; mentre, al contrario, dall’esagitato proscenio di “Fuori dal coro”, la dottoressa Gismondo afferma che, nella fase attuale, essendoci ormai molte varianti del virus, il vaccino è del tutto inutile, e che non vale quindi la pena rischiare di andare incontro ai temibili effetti avversi.

Come fin dai primi giorni della pandemia, ancora oggi le opinioni degli esperti contribuiscono, con consumata professionalità, ad alimentare il caos generalizzato.
Nihil sub sole novum. E’ inevitabile, anche in questo zapping, parlare della guerra in corso nell’Ucraina invasa dalla Russia (una guerra tra Russia e Stati Uniti, sussurra qualcuno), dato che l’argomento occupa buona parte della programmazione giornaliera di tutte le più importanti emittenti televisive. Inevitabile è anche rilevare un paio di fenomeni, a nostro avviso a dir poco eclatanti, anche se la pubblica opinione, insufflata con pertinacia dai mass-media, ha concesso loro il crisma anonimo della normalità. Il primo di questi è la recrudescenza di quel curioso meccanismo che, alcuni decenni or sono, con forzato latinismo, il filosofo Leo Strauss battezzò “Reductio ad Hitlerum”,ossia la tendenza automatica a screditare l’avversario politico o, nel caso attuale, il nemico, assimilandolo a Hitler o al nazismo, cioè al “male assoluto” per sconfiggere il quale ogni mezzo diventa lecito.

La tecnica è ben nota in Italia dove si applica, con successo, ossessivamente, segnatamente in prossimità di campagne elettorali, preferibilmente nella variante del “fascismo” o dell’ircocervico “nazifascismo”. Ne abbiano fatto una pantagruelica abbuffata qualche settimana fa in occasione delle solenni celebrazioni del 25 aprile. Ma nel caso della Russia e dell’Ucraina tale fenomeno – lo riscontriamo con meraviglia – assume la dimensione e i tratti della psicosi collettiva. Il secondo fenomeno - in un certo senso correlato al primo - a cui intendiamo riferirci, è ugualmente sbalorditivo e lo potremmo definire “la rimozione del comunismo”, cioè di quell’ideologia farneticante che ha diviso l’umanità in grandi classi socio-economiche, una buona e le altre più o meno cattive; che ha incredibilmente esercitato un fascino oppiaceo su alcune generazioni di intellettuali; che ha schiavizzato mezza Europa con l’avallo delle democrazie liberali (ricordiamo che tra i cosiddetti “alleati” si contavano anche l’Unione Sovietica e la Cina), che ha allevato e formato l’attuale classe dirigente russa. Eppure oggi si preferisce parlare di oligarchi, di Zar, di liberatori dell’Europa - ci risiamo – dal nazifascismo.
Rileviamo, senza stupore, che, quando, in una recente puntata di “Dritto e Rovescio”, un giornalista ucraino si è azzardato finalmente a nominare Stalin, Paolo del Debbio, caotico conduttore dal piglio tribunizio, lo ha messo sbrigativamente a tacere brontolando: “bèh adesso non è il caso di andare così in là nel tempo”!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.