#306 - 7 maggio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Pagine Preziose

Viaggio introspettivo di Maria Iannaccone

Fiabesco Labirinto...

....la ricerca di sé

Di Liliana Taddeo

“Fiabe per Ritrovarsi” è una raccolta di tredici storie che, come indicato nel titolo e riportato in copertina, aiutano il lettore “a ritrovare speranza, desideri profondi e soprattutto sé stessi”.

L’autrice ben descrive i luoghi e tratteggia i caratteri delle creature magiche che animano le varie storie, aiuta a riconoscere emozioni e conflitti tipici dell’essere umano ma lascia anche ampio spazio all’immaginazione del lettore che può sbizzarrirsi nelle interpretazioni delle fiabe e nel completamento dei chiaroscuri.
I messaggi, vari e molteplici, sono presentati con un linguaggio semplice, scorrevole, chiaro. Per esplicitare meglio il discorso sul libro, è opportuno esaminare una fiaba tra tutte come potrebbe essere, per esempio, quella intitolata “I pennelli fatati”.

E’ il racconto di Marco, un giovane e talentuoso pittore, che non essendo apprezzato per la sua arte, deluso e disgustato decide di cambiare mestiere e di lasciare la terra di origine. Si ritrova così, in una foresta governata da un Genio invisibile che impone la sua volontà su tutto e tutti. Vittima ignara del potere di quell’entità è, suo malgrado, confinato in quel luogo. Aiutato dal suggerimento di una lince, dipinge l’habitat in cui vive ed entrando nel mondo rappresentato nel quadro insieme a molti animali, per uno strano prodigio, evade con loro e si libera dalla tirannia del Genio. Arrivato a casa, riprende la passione della sua vita: la pittura. E finalmente, raggiunge il suo obiettivo e si “sente ricco non per il denaro guadagnato o per la notorietà ottenuta ma perché può finalmente donare agli altri qualcosa di sé attraverso la sua creatività.”

Quanta attualità in questa fiaba! A mio avviso, tutto il suo valore si condensa in tre elementi: i giovani, la natura, il potere. Quanti giovani come Marco sono convinti che il talento, l’attitudine, la costanza non siano premiati in una società come la nostra dove spesso prevalgono antagonismo, rivalità, competizioni scorrette, conoscenze influenti e quant’altro?
In una realtà che oltretutto a parole chiede la diversificazione e vanta la libertà ma poi omologa cultura, costumi, condotte…
E tanti, come l’artista della fiaba, rinunciano alla propria passione cambiando mestiere o lasciando la propria terra per andare all’estero, determinando, così, quella fuga di menti e risorse di cui tutti avrebbero grande bisogno. La cura quotidiana della natura da parte di Marco, il legame con essa, il rispetto mostrato, sono uno stimolo a riflettere sia sul rapporto che sarebbe opportuno avere con il proprio ambiente di appartenenza, sia sul ritorno al contatto diretto con il creato per ritemprarsi e ritrovarsi.

E non meno importante è il messaggio sul potere, rappresentato nella fiaba dal Genio, che regna incontrastato grazie alla paura degli abitanti della foresta, provocata dai modi violenti da lui adottati per ottenerne l’obbedienza.
Il lieto fine, però, dà ai lettori speranza e fiducia poiché il talento è riconosciuto, il tiranno è sconfitto e la natura è salvaguardata.
Il libro invita in modo garbato gli adulti, in quanto guide e modelli per i giovani, a rivedere alcune idee e comportamenti.
Consiglio la sua lettura non solo agli appassionati del mondo fiabesco ma anche a chi ha voglia di sognare, rilassarsi, riconoscersi in quei bisogni universali rappresentati così abilmente dall’autrice che è un piacere leggerla.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.