#119 - 9 febbraio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Valutazioni

di Dante Fasciolo

Lo chiamano il Palazzo della Pace a L’Aia,
è la sede del Tribunale Onu, che dopo 20 anni ha decretato
di non esserci stato genocidio nel conflitto tra Serbia e Croazia.
Decine di migliaia di morti; fosse comuni;
città totalmente distrutte; brutali esecuzioni;
propagandate esaltanti nefandezze reciproche
tra avverse componenti religiose…

Qualcuno di voi ha dei dubbi? Sciocchezze!
Il Tribunale dell’Aia ha solo certezze:
siano i singoli comandati a pagare e non gli Stati,
che a loro avviso non avevano intenzioni di esercitare
pulizia etnica e genocidi.
Semplicemente ridicolo!

Si possono comprendere attenzioni
al necessario futuro di pace,
ad una possibile concordia,
ma le ferite del conflitto bruciano ancora sulla pelle
di uomini e donne, madri e figli, fratelli e sorelle
separati per sempre dall’odio e dal fuoco.
Il lutto e il dolore non possono essere mortificati
sull’altare di una adesione all’Europa,
perché c’è sicuramente anche questa valutazione:
Croazia dentro…Serbia in arrivo.
Il lutto e il dolore non possono essere mortificati
dall’abnegazione al principio primo
della Corte dell’Aia che è quello
della riconciliazione nella giustizia,
principio che supera tutti i calcoli
sui quali si fa leva per giustificare o meno
le azioni degli uomini e degli stati in conflitto,
poichè l’unico calcolo giusto è quello che si misura
sulla sofferenza e il perdono del popolo martoriato.

Di questo, la Corte di Giustizia sembra non aver avuto conto,
e in questo senso, e con amarezza e paradosso,
ci aspettiamo che il Tribunale riabiliti quanto prima
Adolf Hitler e plauda alla setta islamica Boko Haram in africa.
Per i massacri dell’Isis c’è tempo ancora 20 anni.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.