#305 - 23 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Dalla nostra Liberazione all’Ucraina

XXV aprile

di Amanzio Possenti

Il nostro XXV Aprile, giorno storico, indimenticabile della Liberazione dall’oppressione nazista, si celebra quest’anno nella tragica coincidenza dell’aggressione russa all’Ucraina, dove alla barbarie e alla distruzione di vite e di cose da parte degli invasori si oppone la strenua ed eroica difesa del popolo aggredito.

XXV aprileXXV aprile

Mentre il rumore della guerra sempre più devastante allontana purtroppo la negoziazione e soprattutto la Pace – quella vera, e non posticcia, ripetutamente invocata da Francesco – la memoria del XXV Aprile ripropone un momento-chiave della storia di casa nostra.

L’indicazione principale proviene dalla riconquistata libertà, concetto e gesto fondamentale nella vita del popolo italiano uscito da una guerra terribile durata cinque anni e da una occupazione fra violenze, sacrifici e crudeltà.
La libertà consente a noi e ai popoli europei dopo la seconda guerra mondiale – milioni di vittime e infiniti strazi - di vivere in pace, conseguenza primaria della libertà: l’una e l’altra collegate in un indispensabile rapporto di convivenza civile.

XXV aprileXXV aprile

Oggi l’arbitraria e funesta ‘operazione militare speciale‘ - così definita dalla Federazione russa che rifugge dal chiamare guerra l’azione violenta della invasione - rimette in campo il valore indefettibile della libertà, fatta oggetto di inaccettabili comportamenti contro il popolo ucraino mentre richiama noi, epigoni del XXV Aprile 1945, a rivalorizzare e difendere con determinazione il dono della libertà, bene e presidio supremo. Irrinunciabile.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.