#304 - 2 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

Frammento Semiseri di cronache televisiva

di Luigi Capano

A tutto, prima o poi, ci si abitua. Perfino al tragico spettacolo della guerra, a cui, da circa un mese, assistiamo ogni giorno, da casa, talvolta partecipi, talaltra distratti, gli occhi sempre ficcati nel rassicurante diaframma digitale, palladio e fomite di efficacissimi distanziamenti sociali.
Corpi martoriati; palazzi sventrati; lacerti di vita vissuta affioranti tra le macerie; civili sopravvissuti che, tra i singhiozzi, nominano i propri cari che non ce l’hanno fatta; rischiose riprese di bombardamenti aerei in tempo reale. Ma è sufficiente un rapido clic del telecomando e ci troviamo sbalzati nell’isola dei famosi, tra commedianti perditempo di lungo corso: Ilary Blasi, Vladimir Luxuria, Cicciolina, Lory del Santo, e via elencando.
Maschere sceniche familiari, sempre fedeli al proprio ruolo, artefici e vittime di piccoli drammi sentimentali, prevedibili nel loro comportamento elementare e reattivo, e perciò adatte ad ancorare noi spettatori alla nostra abituale, agognata quotidianità.

Sul bullo di Mosca si dice tutto il male possibile e l’opinione pubblica occidentale, più o meno, è unanime nel condannarlo senza appello.
L’americano Biden, il presidente-mummia, lasciandosi andare ad esternazioni poco istituzionali - artatamente o per scarsa diplomazia, non è ancora chiaro – lo ha definito “macellaio”. Certo è che sei il compagno Putin dovesse in qualche modo sfangarla e riuscire a venirne fuori se non vittorioso, perlomeno senza subire pesanti umiliazioni, la percezione mondiale potrebbe cambiare, come è spesso accaduto in passato. Quello che oggi molti chiamano “criminale di guerra”, tornerebbe a essere un utile partner commerciale e lentamente verrebbe riabilitato e nuovamente omaggiato. Tutto a poco a poco si riaggiusterebbe nella pallida memoria storica. Così è sempre stato. Forse il bombardamento di Hiroshima è considerato un crimine di guerra? E dove sono i criminali di guerra americani che lo hanno disposto e attuato? E il terrificante bombardamento di Dresda del ‘45, mirato su obiettivi civili, ad opera degli inglesi e degli americani?

L’importante, alla fine, è vincere o almeno, cavarsela: dopo, tutto si aggiusta. La morale è una giarrettiera molto elastica. Ma nell’isola del famosi, in Honduras, c’è sempre il sole, e le donne del gruppo si mostrano volentieri discinte e disinibite. E, complice la calura tropicale, entrambi i sessi (ci perdonino i catecumeni del gender fluid) si mostrano sovente ammiccanti, compiacenti, disponibili ad intrecci sentimentali che facciano sognare e intrigare i telespettatori. Così va il mondo. Nell’iconosfera in cui viviamo immersi, tragedia e frivolezza vanno a braccetto e, futuristicamente, si compenetrano.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.