#304 - 2 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

Frammento Semiseri di cronache televisiva

di Luigi Capano

A tutto, prima o poi, ci si abitua. Perfino al tragico spettacolo della guerra, a cui, da circa un mese, assistiamo ogni giorno, da casa, talvolta partecipi, talaltra distratti, gli occhi sempre ficcati nel rassicurante diaframma digitale, palladio e fomite di efficacissimi distanziamenti sociali.
Corpi martoriati; palazzi sventrati; lacerti di vita vissuta affioranti tra le macerie; civili sopravvissuti che, tra i singhiozzi, nominano i propri cari che non ce l’hanno fatta; rischiose riprese di bombardamenti aerei in tempo reale. Ma è sufficiente un rapido clic del telecomando e ci troviamo sbalzati nell’isola dei famosi, tra commedianti perditempo di lungo corso: Ilary Blasi, Vladimir Luxuria, Cicciolina, Lory del Santo, e via elencando.
Maschere sceniche familiari, sempre fedeli al proprio ruolo, artefici e vittime di piccoli drammi sentimentali, prevedibili nel loro comportamento elementare e reattivo, e perciò adatte ad ancorare noi spettatori alla nostra abituale, agognata quotidianità.

Sul bullo di Mosca si dice tutto il male possibile e l’opinione pubblica occidentale, più o meno, è unanime nel condannarlo senza appello.
L’americano Biden, il presidente-mummia, lasciandosi andare ad esternazioni poco istituzionali - artatamente o per scarsa diplomazia, non è ancora chiaro – lo ha definito “macellaio”. Certo è che sei il compagno Putin dovesse in qualche modo sfangarla e riuscire a venirne fuori se non vittorioso, perlomeno senza subire pesanti umiliazioni, la percezione mondiale potrebbe cambiare, come è spesso accaduto in passato. Quello che oggi molti chiamano “criminale di guerra”, tornerebbe a essere un utile partner commerciale e lentamente verrebbe riabilitato e nuovamente omaggiato. Tutto a poco a poco si riaggiusterebbe nella pallida memoria storica. Così è sempre stato. Forse il bombardamento di Hiroshima è considerato un crimine di guerra? E dove sono i criminali di guerra americani che lo hanno disposto e attuato? E il terrificante bombardamento di Dresda del ‘45, mirato su obiettivi civili, ad opera degli inglesi e degli americani?

L’importante, alla fine, è vincere o almeno, cavarsela: dopo, tutto si aggiusta. La morale è una giarrettiera molto elastica. Ma nell’isola del famosi, in Honduras, c’è sempre il sole, e le donne del gruppo si mostrano volentieri discinte e disinibite. E, complice la calura tropicale, entrambi i sessi (ci perdonino i catecumeni del gender fluid) si mostrano sovente ammiccanti, compiacenti, disponibili ad intrecci sentimentali che facciano sognare e intrigare i telespettatori. Così va il mondo. Nell’iconosfera in cui viviamo immersi, tragedia e frivolezza vanno a braccetto e, futuristicamente, si compenetrano.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.