#304 - 2 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Ambiente

In occasione del 22 aprile Giornata Mondiale della Terra

Ecologia tra cielo e terra

Di Guido Bissanti - prefazione di Rocco Chiriaco - storie Medinova

Ecologia tra cielo e terra è un testo che affronta l’origine della decadenza sociale ed ecologica del nostro tempo partendo dalla crisi ontologica dell’essere.
Una crisi a cui la cultura predominante tenta di rispondere con espedienti tecnologici e con una scienza sempre più sovraccaricata di responsabilità, che vanno ben oltre i compiti e le risposte che può dare la sola disciplina scientifica.
Ecologia tra cielo e terra sposta l’oggetto dell’azione dalle semplici soluzioni ed espedienti di natura tecnologica ad una presa di coscienza e ad una nuova consapevolezza del senso della storia.
Il testo offre un viaggio all’interno dell’insegnamento ecologico delle principali religioni del mondo, con le loro incredibili similitudini, i loro principi, il loro rapporto col trascendente e con la natura subordinata.
Un cammino a cui le promesse del razionalismo illuminista, da cui si sono originate molte delle dottrine culturali, sociali, economiche e politiche attuali, non riescono e non possono più dare risposte.
Un tragitto nelle sofferenze del mondo fisico, con la pericolosa perdita di biodiversità, di degradazione dell’ambiente, di sofferenza ecologica del pianeta a cui fanno da eco una perdita di saperi, di degrado sociale, di sofferenza umana e di disorientamento dell’io più profondo. Una perdita di identità, un disorientamento umano, figlio di una inopportuna separazione tra esperienza quotidiana e trascendente, tra scienza e religione che, seppur utili al superamento delle nebbie del medioevo, richiedono adesso un nuovo dialogo e nuove energie.
Le analisi del testo conducono, comunque, ad una nuova speranza, un’apertura verso nuovi orizzonti dove possono trovare un rinnovato dialogo, pur con i loro ambiti di pertinenza, scienza e religione, in un ecumenismo culturale da cui, come in una “fusione nucleare”, potranno scaturire quelle energie per ridare vigore alla storia futura.
Un percorso non certo scevro di difficoltà, per il tentativo sempre vivo e presente, degli operatori di iniquità ma, come dice Paulo Coelho, “L’ora più buia è quella che precede il sorgere del sole”.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.