#304 - 2 aprile 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Una riflessione oltre il quotidiano della guerra in Ucraina

Di fronte al terrore

di Amanzio Possenti

Di fronte al terroreDi fronte al terrore

E’ vero che ci stiamo abituando al terrore?
L’ipotesi-domanda giornalistica avanzata in questi giorni di doloroso e corale coinvolgimento negli orrori della guerra in Ucraina andrebbe - a mio giudizio – allargata oltre i fatti terribili che mutilano l’umanità.
Se è incontestabile che il terrore ci agguanta e sta impedendo la nostra capacità e sensibilità reattiva, tuttavia abituarci al suo impatto distruttivo, no, non credo proprio sia condivisibile: se non sotto l’inevitabile (e comprensibile) profilo emotivo che va distinto da quello esistenziale, capace di donarci forza inattesa e vigorosa nei momenti più bui.

L’abitudine al male, quale è appunto il terrore, è sfregio grave soprattutto per il cristiano che vive nella fede rivolta al Bene – a Cristo - e ne fa senso e fine della propria speranza. Certo, il male non solo c’è, è forte, guerriero instancabile e implacabile, senza freni, essenza di tentazione permanente, devastante, intimamente dannosa, ma...Come e cosa fare?

Di fronte al terroreDi fronte al terrore

Per il credente il male non solo non prevarrà - è Cristo a darne conferma nel Vangelo - ma ad esso non dovrà abituarsi così da subirlo come ineluttabile ed inevitabile; solo in questo caso infatti la sua presenza potrà trasformarsi in abitudine dannosa.
L’amore e la misericordia divina – cui ricorrere quando l’abitudine sembra mistificare la realtà e renderci acquiescenti - accompagnano la sconfitta del male, del terrore dunque. La fede induce a combatterlo quale insidiosa presenza interiore che invita all’abitudinarietà acritica anziché alla confidenza condivisa.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.