#303 - 19 marzo 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 settembre, quando lascerà  il posto al numero 313. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Alberi

Alberi monumentali d'Italia

Roverella di Monteveglio

Da 1000 anni sulle terre di Matilde di Canossa

Siamo nel cuore dell'Emilia Romagna, in provincia di Bologna.
A pochi passi dalla città , un piccolo parco tutto da scoprire...
Morbidi rilievi punteggiati di vigneti e ceraseti, aspri calanchi, splendide fioriture di bucaneve e di orchidee, boschi e sorgenti.
In più una importante pagina di storia.
Sulla cima del colle, il castello e la millenaria Abbazia di Monteveglio edificata sulle terre che ricordano la vittoria di Matilde di Canossa su Enrico IV. L'imperatore infatti venne sconfitto nell'assedio della rocca matildinica Monteveglio avvenuto nel 1092.

Ora vi invitiamo a Immergetevi in questo suggestivo paesaggio in cui la storia, la natura e il lavoro dell'uomo si fondono in un'armonia di colori e di forme.

Roverella di MonteveglioRoverella di Monteveglio

Proprio ai confini con il Parco Regionale Abbazia Monteveglio e proprio vicino a quest'ultima, si erge una imponente roverella che serviva a delimitare i confini di proprietà. La pianta si trova lungo l'antico confine del podere San Teodoro, che verso monte ha sottolineato da altre grandi roverelle. In passato era piuttosto diffusa la consuetudine di contrassegnare i limiti di proprietà con grandi esemplari di quercia.

La nostra maestosa roverella, quercia tipica dei nostri boschi collinari, spicca al margine del manto buscato che riveste gran parte delle pendici del colle di Monteveglio, in questo punto formato soprattutto da robinie e sambuchi.
Non sono riportate le misure della pianta né dell'età, ma a giudicare dalla foto e dalla presenza delle roverelle sul territorio fin dai tempi di Matilde, non si sbaglia di certo a indicarne una età di circa 1000 anni.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.