#303 - 19 marzo 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Una mostra delle opere di Roberta Pugno

Nella Grotta

Immagini tra suono e senso

di Cinzia Folcarelli

E qualcosa di magico avvenne nella grotta semioscura e silenziosa… una donna scoprì la potenza espressiva dei pigmenti vegetali e del nerofumo… ed ecco che pian piano i primi semplici segni, tracciati sulla parete come gioco di movimento con i bambini, divennero storie… Poi altre donne la seguirono, continuando il racconto sulla parete.

Nella Grotta

E poi vennero altre grotte, altre pareti, altri luoghi e altre storie… storie di donne e storie di uomini… Ci piace immaginare così l’inizio della pittura rupestre, l’inizio della rappresentazione, l’inizio di tutto ciò che ha portato nel corso dei millenni a quello che oggi chiamiamo “arte”.
La nuova sfida di Roberta Pugno è proprio con le origini delle immagini e con l’identità della donna nella società primitiva.
Un tema affascinante, recentemente studiato dalla comunità scientifica sotto una luce molto diversa rispetto al passato. In questa mostra la pittrice-filosofa ci introduce in un mondo ancestrale in cui la donna è parte attiva e creativa del processo evolutivo. Una donna forte e fiera che organizza la vita nella caverna non solo provvedendo alle attività quotidiane, ma cercando di migliorare la propria esistenza e quella degli altri.

L’interno della Arte Borgo Gallery si trasforma in una grotta primitiva in cui le immagini proposte diventano sempre più ancestrali man mano che si procede dentro di essa, alla ricerca dell’inizio della sensibilità e della conoscenza. Attraverso un percorso che parte dalla storia, simboleggiata dai colori giallo, oro e arancione della luce e della veglia delle opere della prima sala, si arriva alle origini dell’umanità, la “preistoria” (più propriamente “storia profonda” come si legge in PSICHE e ARTE), con le ultime tele rosse.

Nella GrottaNella GrottaNella Grotta

Nel primo ambiente l’animismo de La sapienza delle immagini (2018), la passione per la vita del primo poema dell’umanità su Gilgamesh, l’eroe sumerico che cerca l’immortalità e trova la scrittura, la visionarietà dei poemi omerici con La porta dei sogni (2022), le grandi immagini femminili del mondo greco con Demetra (2017), la dea madre, ci fanno avvicinare alle più antiche forme di conoscenza. Il passato, visto come storia di resistenza, di conoscenza e di trasformazione, è impersonato da menti geniali come quella di Ipazia di Alessandria (Ipazia goccia d’infinito, 2016) e quella di Giordano Bruno (con la trasposizione in tecnica mista su tela delle xilografie autografe del filosofo, realizzate dalla pittrice nel 2002).

Nella seconda sala le immagini raccontano la conoscenza come rapporto con il diverso, con lo sconosciuto.
Ne è oggetto fondamentale la donna per l’uomo e viceversa, dialettica incentrata sulla dinamica inconscio-coscienza. Donnaimmagine e Uomoparola (2018) si confrontano tra loro, attraversando il Tempo interno (2012), toccano l’Origine biologica (2022), per sciogliersi nel Vincolo d’amore (2011). “Il tuo volto è la mia immagine interiore” è infatti il titolo di una precedente mostra di Roberta Pugno.

Nella GrottaNella Grotta

E arriviamo agli albori della storia dell’umanità, nella terza sala. Il rosso domina in tutti i lavori. Il rosso del fuoco acceso nella caverna, il rosso della passionalità, della vitalità e del coraggio. Il Sabba (2008) e Nella grotta (2014) rimandano alla componente magica e sciamanica.
Sono nata dal sole (2022) è l’opera che sintetizza appieno la poetica e la cifra stilistica di Roberta Pugno. La linea, dipinta o incisa, curva o spezzettata, i cromatismi vivaci, la materia, le scritture di fantasia, basterebbe da sola a farci immergere nel mondo mitico e ancestrale della pittrice. Invece l’appassionata ricerca dell’artista ci porta a confrontarci con altre opere dense di significato. Il prodigio della vita (2021) dove compare la “luce della nascita” che dà la vita perché stimola la reazione biologica che crea il pensiero, come teorizzato dallo psichiatra Massimo Fagioli; La donna nella grotta faceva e sognava bambini (2021) che parla della maternità come fonte inconscia; La voce diversa (2021) che indica il momento in cui la donna inizia a modulare la voce per entrare in un rapporto armonioso con il bambino; Tu sei il mio suono (2015) in cui torna di nuovo la dualità uomo-donna; Il vagito è il riso mascherato da lamento (2021) che riprende le ricerche di Fagioli.

Nella GrottaNella Grotta

Sono immagini che emergono dal sentire: il pensiero è concentrato sulla parola “suono”, inteso come contenuto della voce udita o della scrittura silenziosa, e sulla parola “senso” con cui la pittrice intende, ancora più profondamente, il vissuto irrazionale, invisibile ma potente, della realtà interumana. “Le opere d’arte sono immagini silenziose che ci parlano toccando corde profonde”, scrive Simona Maggiorelli, “Le pitture di Roberta Pugno risuonano attraverso forme e colori (…) evocando antiche pitture rupestri, quelle straordinarie orchestrazioni di immagini realizzate dalle prime artiste della storia che si avventuravano in cavità nascoste, forse… chissà, per cercare il buio assoluto da cui nascono le immagini, ricreando la nascita”.
Torniamo quindi all’immagine iniziale, alla prima donna che dipinge sulla parete della grotta. Adesso riusciamo a vederla con occhi diversi.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.