#102 - 1 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascer il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Parchi e oasi dello spirito

Santuario di San Pietro
in Ciel d’Oro

di Dante Fasciolo

Santuario di San Pietro
in Ciel d’OroSantuario di San Pietro
in Ciel d’Oro

Nella Divina Commedia, Dante parla a lungo dell’anima di Sant’Agostino e delle sue spoglie mortali custodite a Pavia, canto X del paradiso.

“Lo corpo ond’ella fu cacciata / giace giuso in Cialdauro / ed essa da martirio ed assillo/ venne a questa pace”.

Parla delle ossa del Santo di Ippona, che il sovrano longobardo Liutprando fece trasferire nella chiesa di San Pietro verso gli anni 720/725.

Santuario di San Pietro
in Ciel d’OroSantuario di San Pietro
in Ciel d’Oro

La chiesa di san Pietro data la sua fondazione al 604, quando fu edificato un primo nucleo su di una precedente costruzione paleocristiana: solide colonne e un soffitto di legno decorato in tinta oro dal quale deriva appunto il nome dell’attuale Santuario.

Lo stile è gotico lombardo XII secolo, e a consacrarlo, nel 1132 fu la massima autorità della Chiesa: Papa Innocenzo II. La struttura presenta una facciata in pietra arenaria grigia e cotto, è a due spioventi, divisa in tre parti da contrafforti diseguali , ma decorata con importanti ceramiche policrome provenienti dall’oriente.

Il portale d’ingresso presenta una pregiata decorazione nel timpano ed un bassorilievo di altrettanto pregevole fattura raffigurante un angelo e due oranti.
L’interno è a tre navate, e con due file di cinque colonne in arenaria con capitelli finemente lavorati. I resti di un mosaico sono visibili in fondo alla navata unitamente a tracce di affreschi del quattrocento e cinquecento.

Santuario di San Pietro
in Ciel d’OroSantuario di San Pietro
in Ciel d’Oro

Sopra l’altare maggiore è sistemata l’Arca di Sant’Agostino, splendida scultura marmorea del XIV secolo di scuola lombarda ornata da 95 statue e 50 bassorilievi. Qui giacciono le ossa del Santo custodite in una cassa d’argento.

IL Santuario presenta ancora una seconda reliquia, di San Severino Boezio (475 / 524) filosofo, Consulente del Re Teodorico e autore del “De Consolatione Philosophiae”, custodita nella decoratissima cripta in un sarcofago di stile bizantino-ravennate vero e proprio capolavoro artistico.

Santuario di San Pietro
in Ciel d’OroSantuario di San Pietro
in Ciel d’Oro

Alla metà del mese di aprile, si tiene al Santuario la Settimana Agostiniana Pavese, centrata sulla figura e l’opera del Santo, al quale sono dedicati cicli di conferenze e dibattiti.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.