#301 - 19 febbraio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

FRammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

Con alterno interesse, di tanto in tanto, ci capita di soffermarci su Freedom - Oltre il confine, il programma, di taglio documentaristico, ideato e condotto da Roberto Giacobbo su Italia 1. Abbiamo particolarmente apprezzato, di recente, il servizio dedicato alla visita al Museo Storico dell’Arte Sanitaria, nel Complesso Ospedaliero di Santo Spirito in Sassia, a Roma. Inaugurato nel 1933, questo museo, unico nel suo genere, raccoglie una cospicua quanto rara documentazione sulla storia della medicina e della farmacologia. Siamo anche stati introdotti, a distanza, in un laboratorio alchemico, a quanto detto, conservatosi intatto.
Nella vulgata scientifica, cui sembra aderire il nostro anfitrione, l’alchimia è intesa come una protoscienza, ma, su questo diffuso giudizio, le perplessità e i dubbi ci assalgono, se non altro perché il paradigma scientifico e quello alchemico poco o nulla hanno in comune: per fare solo un esempio, la distinzione tra chimica organica e inorganica, nella visione alchemica si offusca e si confonde. E Giacobbo, soffermandosi sul reperto di una mano umana misteriosamente “metallizzata” da Angelo Motta, eccentrica figura di scienziato ottocentesco, si interroga dubbioso se si tratti di mistificazione o di qualcosa che sfugge alle attuali conoscenze scientifiche.

ZappingZapping

Fabio Fazio realizza il colpaccio del secolo con l’intervista concessagli dal Santo Padre per la sua trasmissione “Che tempo che fa” su Raitre.
Papa Francesco partecipa attivamente alla vita politica italiana spesso schierandosi apertamente e prendendo posizioni nette, ad esempio, sulla gestione del problema dei migranti, insistendo sulla necessità dell’accoglienza; scagliandosi contro il populismo e, di riflesso, a favore del vigente assetto liberale. Non è una novità questa, e non c’è da meravigliarsi o di storcere il naso. Ma si pensi alla prossimità di Paolo VI alla Democrazia Cristiana, alla sua amicizia con Giulio Andreotti (in proposito ha scritto il filosofo Rocco Buttiglione: “Paolo VI è l’uomo che ha educato la classe dirigente dell’Italia democratica”); oppure al rapporto amicale tra Pio XI e Benito Mussolini da questi definito “l’uomo della Provvidenza” e che si concretò nella stipula dei Patti Lateranensi.

ZappingZapping

Ma, tornando a Papa Francesco e all’intervista di Fazio, ci è piaciuto, quando, interrogato sul dramma (o sulla tragedia, ancora non sappiamo) dell’inquinamento del pianeta, ha messo da parte finalmente l’asettico “ambiente” e ha parlato della “madre terra” e della necessità per l’uomo di “essere in armonia con la terra”. Chi sa che prima o poi non si torni a parlare di “natura”, con buona pace degli ambientalisti.

ZappingZapping

A “Quante storie” sempre su Rai3, Giorgio Zanchini intervista Marcello Veneziani in occasione dell’uscita del suo ultimo libro, intitolato “La cappa”. Ecco un paio di spunti su cui riflettere. “Ogni volta che si parla dei migranti”- dice Veneziani –“ io dico che i migranti sono una popolazione di alcuni milioni di persone che vanno nel mondo. I restanti sono miliardi e spesso sono in condizioni molti più disperate dei migranti: un Papa se realmente si occupa dell’umanità dovrebbe occuparsi soprattutto dei restanti, e solo in seconda battuta dei migranti”. Stimolato da Zanchini a pronunciarsi sulla cosiddetta cancel culture Veneziani afferma: “Io credo che ci siano oggi due forme di stupro della storia: una è la cancellazione della cultura, della storia passata; l’altra invece è la riduzione al presente di tutto ciò che è passato: cioè costringere nei canoni del presente epoche, movimenti, culture, autori che appartengono a un altro mondo. Ecco, queste due forme combinate – perché hanno la stessa matrice – creano una sorta di spartiacque tra il presente e il passato. Il passato sparisce – e poi sparirà anche il futuro – e rimane soltanto il presente, questa sorta di dittatura del presente che giudica il mondo e i secoli passati come se oggi fossimo su una postazione superiore e definitiva”.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.