#300 - 29 gennaio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cinema

Dalla serie di articoli dedicati a personaggi del Cinema e del teatro

Una iniziativa di "Diari di Cineclub"

Dorian Gray

I dimenticati, 12. Dorian Gray [Diari di Cineclub n°31, IX 2015]

di

Virgilio Zanolla

Dorian Gray

Ha lavorato nella rivista e interpretato 32 film, alcuni d’assoluto rilievo, ma il pubblico la ricorda quasi solo per uno: nel ruolo della graziosa prima ballerina d’avanspettacolo Marisa Florian, che in Totò, Peppino e... la malafemmina di Camillo Mastrocinque, splendidamente doppiata da Andreina Pagnani, fa innamorare lo studentello canterino Gianni (Teddy Reno) e senza saperlo persuade sua madre Lucia, improvvisatasi in incognito addetta di una sartoria teatrale, che di là dall’apparenza vistosa è una brava ragazza, ricca di buon senso, sani princìpi e generosità di cuore, e dunque merita l’amore di suo figlio. Perché Maria Luisa Mangini, in arte Dorian Gray, era davvero così: e nei momenti di maggior fulgore della sua carriera artistica non dimenticò mai i suoi posti e le sue origini.

Dorian Gray

Nata a Bolzano il 2 febbraio 1928, era figlia di Attilio, dipendente statale, e della casalinga Flora Divina; quando aveva dieci anni, la sua famiglia si trasferì a Pesaro. In seguito, ella studiò danza a Milano, con Aurel Millos alla scuola della Scala; alta, bella, statuaria e «con le caviglie scoperte fino all’inguine», come scrisse con malizia un critico, nell’estate 1950, notata da Macario, esordì in palcoscenico nella rivista di Orio Vergani e Dino Falconi Votate per Venere, che questi interpretava accanto a Gino Bramieri ed Elena Giusti; lo spettacolo ebbe un successo così clamoroso che ai primi del ’51 fu portato in tournée a Parigi.

Dorian Gray

Elegantissima, vestita dallo stilista Schubert, Maria Luisa mutò il colore dei capelli da bruno a biondo platinato, e su consiglio d’un coreografo adottò il nome d’arte di Dorian Gray, il protagonista del romanzo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde (1891). È la storia d’un giovane d’eccezionale bellezza che per magia ottiene di non invecchiare mai: al suo posto, invecchierà la sua immagine nel ritratto dipintogli dal pittore Hallword; ma Gray s’abbandona a ogni genere di turpitudini, finché, sentendosi accusato dall’immagine del ritratto, sempre più vecchia e oscena, lo squarcia con un pugnale: e a morire è lui, mentre il ritratto recupera al suo posto la perduta bellezza. Anche Maria Luisa-Dorian aveva timore d’invecchiare: tanto che riuscì a far credere d’essere più giovane di otto anni.

Dorian Gray

La sua carriera teatrale proseguì con altre riviste: Sogno di un Walter (’51), accanto a Walter Chiari e Carlo Campanini, Gran Baraonda (’52-53) di Garinei e Giovannini, con Wanda Osiris e Alberto Sordi , Made in Italy (’54) con Macario e la Osiris, e Passo doppio (’54-55) con Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello. Dove fascino, naturalezza e verve le meritarono il premio Maschera d’Argento.
Nel cinema aveva esordito nel ’51, quando debuttò al fianco di Pina Renzi in Accidenti alle tasse! di Mario Mattòli, che poi la diresse anche in altri due film; ma solo nel ’56 decise di dedicarsi in esclusiva alla settima arte. Quell’anno fu per lei tra i più fortunati: lavorò in quattro film, un musicarello di Giorgio Simonelli, Guaglione, e tre di Camillo Mastrocinque interpretati da Totò (due in coppia con Peppino De Filippo), il più celebre dei quali è appunto Totò, Peppino e... la malafemmina.

Dorian GrayDorian Gray

Il ’57 fu l’anno della svolta: conscia che il suo talento poteva esprimersi anche in parti drammatiche, Maria Luisa-Dorian interpretò da pari sua Jessy, l’amante di Alberto Lazzari alias Amedeo Nazzari nel film Le notti di Cabiria di Fellini e la benzinaia Virginia ne Il grido di Antonioni, il personaggio più impegnativo della sua carriera. L’anno dopo, per il ruolo di Ornella ne Le mogli pericolose di Comencini fu premiata col Nastro d’Argento quale migliore attrice non protagonista. La diressero altri registi di vaglia, come Gianni Franciolini (Racconti d’estate, ’58), Dino Risi (Il mattatore, ’60) e Mario Camerini (Crimen, ’60) e offrì buone prove nel filone brillante e in quello spionistico, ma in opere di minor peso.

Dorian Gray

Nel ’63 rallentò sensibilmente l’attività: era rimasta incinta; dalla sua relazione col giornalista nonché editore di giornali Arturo Tofanelli le nacque il figlio Massimo Arturo. L’ultimo suo film, I criminali della metropoli, lo diresse nel ’67 Henry Wilson, nome d’arte del regista Gino Mangini: un suo cugino. Da allora, Maria Luisa si ritirò a vita privata nella villa che si fece edificare in località Maso Croce a Torcegno, piccolissimo e grazioso paese della Valsugana.
Ed è lì che, la mattina del 15 febbraio 2011, s’è sparata un colpo di pistola alla tempia, senza lasciare biglietti. Si è detto, disperata di vedersi invecchiare; quale sia la verità, Maria Luisa merita tutto il nostro rispetto. Timida, o forse solo riservata, fino allora aveva accuratamente evitato ogni occasione di ribalta, dicendo più volte no anche a Maurizio Costanzo, che l’avrebbe voluta ospite nel suo show. Non amava parlare della sua carriera artistica, non lo fece nemmeno col figlio: «Preferisco siano i film a parlare per me» disse in quella che fu la sua ultima intervista, nel ’92: e forse, aveva ragione.

Dorian GrayDorian Gray

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.