#294 - 23 ottobre 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Attualità

Dalla vecchia alla nuova Italia Le riforme in gestazione e i passatismi frenanti

Il bene comune

di Amanzio Possenti

Mentre l’attenzione dei politici - meno nell’opinione pubblica – è stata nei giorni scorsi rivolta ai ballottaggi, l’Italia attende di confermare i buoni risultati economici e del Pil emersi negli ultimi due trimestri, con il proposito di uscire non solo statisticamente da una condizione oscillante tra crisi e rilancio.
Con la prima tranche finanziaria di intervento europeo ai sensi del Pnrr(Piano nazionale di ripresa e resilienza)e le connesse riforme in gestazione(se ne prevedono fino a 42!) entra in un territorio dove la vecchia Italia è chiamata a dismettere i panni consunti per indossare quelli di un Paese europeo moderno e allineato al progresso in alcune materie (fisco, giustizia, ambiente, digitalizzazione, concorrenza, investimenti) e alla competitività.

Occorre lavorare con vista sul futuro e in armonia tra Stato, società, imprese, lavoro, crescita, poiché il domani indicato è costruibile solo operando tutti insieme verso un traguardo di comune interesse.
E per le generazioni future, non solo la nostra.
Fermarci a osservare l’orticello, anche ben ordinato, e ignorare che non basta ammirarne i fiori e gli ortaggi bensì occorrono infrastrutture idonee, mezzi di intervento adeguati, progetti affini e riconosciuti, burocrazie remote, spazi legittimi di solidale coabitazione, significa partire con piedi incerti; gli esiti potrebbero essere inferiori alle attese, poiché, se è vero che i programmi sono chiari, importanti e decisivi, essi potrebbero non bastare nella ipotetica carenza di realtà idonee fondate su criteri omogenei e competenti.

Dunque necessità di... piedi lesti e ben orientati: riforme qualificanti e spirito di attenta azione positiva verso il bene comune. Tra l’altro il Paese deve all’Europa un resoconto tecnico-politico dettagliato e conforme. Siamo destinatari e attori, in ambedue i casi e al tempo stesso, di una grandissima disponibilità e parimenti di un’amplissima corresponsabilità.
Tutto questo induce ad elaborare il meglio e nel miglior modo tagliando fuori obsoleti criteri operativi e valutativi, ovvero pensare ad un’Italia nuova, che possa camminare da coprotagonista, come merita, nella storia europea e internazionale, abbandonando i passatismi che la frenano ed individuando un futuro che non le tolga nulla dei valori alti via via fatti propri, bensì alimenti il suo meraviglioso e riconosciuto stile di popolo coraggioso, determinato e pieno di nobili idealità e di responsabili comportamenti.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.