#284 - 24 aprile 2021
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerà  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Ambiente

L’Aspromonte entra ufficialmente nella rete mondiale dei Geoparchi Unesco

Geoparco Aspromonte

di
Giuseppe Cocco

Geoparco Aspromonte

La ratifica della candidatura del Parco Calabrese è avvenuta il 22 aprile nel corso del digital event che ha riunito 160 Paesi in tutto il Mondo.

Con la particolarità delle sue rocce, l’Aspromonte ha una storia geologica di estremo rilievo che ha permesso di avviare il percorso di candidatura all’Unesco nel 2017, pensato dall’Ente Parco presieduto allora da Giuseppe Bombino, promuovendo le peculiarità del massiccio d’Aspromonte che rivelano una storia antica, complessa, unica.

L’ingresso nella rete mondiale dei Geoparchi Unesco consentirà al Geoparco Aspromonte, guidato oggi da Leo Autelitano, di valorizzare il prezioso patrimonio: 8 geositi di rilevanza internazionale, 89 geositi censiti, le sue specificità culturali, identitarie e naturalistiche.

Il riconoscimento Unesco Global Geopar è nuova occasione di valorizzazione del patrimonio geologico in stretta connessione con quello naturale e culturale, che può portare importanti ricadute in termini sociali ed economici sul territorio, anche e soprattutto in chiave turistica.

L'Aspromonte (in calabrese Asprumunti o Spremunti) è un massiccio montuoso dell'Appennino Calabro, situato nella Calabria meridionale, nella provincia di Reggio Calabria, limitato ad oriente dal Mar Io; a occidente dal Mar Tirreno, accanto dalle Stretto di Messina, e a mezzogiorno dal Fiume Petrace (con l'affluente Calabrò) e dalle Fiumare di Platì e di Careri.

Per numerosi studiosi il confine naturale della zona settentrionale è il Passo della Limina (822 m), ai piedi di Monte Limina (888 m); il toponimo Limina, dal latino limen, indica il punto di confine, dove finisce il massiccio dell'Aspromonte (Parco Nazionale dell'Aspromonte) e iniziano la catena delle Serre Calabresi.

Orograficamente è un acrocoro a raggiera la cui cima più elevata è il Montalto parentesi 1955 metri parentesi; caratteristica morfologica e la presenza di terrazzi, detti Piani o Campi (LUI: Lessico Universale Italiano - Istituto della Enciclopedia Italiana).
Nella tradizione locale il nome - in dialetto sprumùnti - è la parte più elevata dell’estremo massiccio.
Aspromonte non ha una tradizione classica ed è menzionato con frequenza tra i secoli XV (1400) e XVI (1500); la sua etimologia non è certa ed oscilla tra 2 ipotesi: una lo vuole composto con il greco ασπρος "bianco", voce nota nel dialetto di Bova (RC), località alloglotta [che in uno stesso territorio parla o documenta una lingua diversa da quella ufficiale della maggioranza] Greca: quindi "monte bianco", da confrontare con l'omonimo Ασπρòβoυνος dell'Isola di Rodi, derivazione, questa, che trova un certo consenso; un'altra ipotesi è favorevole all'etimologia greca pure ipotizzando la concorrenza del latino asper "aspro" da cui gli oronimo [in linguistica e in geografia, ogni nome di montagna] Aspremont in Francia, Monte Aspro in Italia.
Alle sue pendici è insediata l'ultima Comunità dei parlanti di lingua Grecanica, un'antica lingua che deriverebbe dal Greco antico o dal Greco Bizantino, per cui entrambe le etimologie sono verosimili.

La vetta più alta è il Montalto (1.956 m), di forme dolci, costituito da rocce arcaiche.
Quasi tutti i contrafforti scendono ripidi verso il mare, cosicché la fascia costiera è molto ristretta.
Caratteristico è lo sviluppo dell'Aspromonte a terrazze sovrapposte; se ne riconoscono 4 livelli, detti Piani o Campi.
La vegetazione è molto ricca e varia: sul piano basale si riscontra la macchia mediterranea, con diversi consorzi floristici spesso unici, che diversifica molto rispetto all'esposizione.

Sulla fascia Jonica si trovano spesso formazioni xerofile [XEROFITE (dal gr. ξηρός "secco" e ϕυτόν "pianta") si chiamano quei vegetali con speciali adattamenti morfologici e biologici che li fanno resistere alla scarsezza o alla mancanza di acqua: prendono anche il nome di xerofile, in opposizione ad altre che si chiamano igrofite o igrofile], formate da ginestre spinose e ginestre da fibra, che convivono con il lentisco, il mirto, il perastro e, nelle aree umide, le tamerici.
Risalendo si formano macchie alte o boschi veri e propri, composti prevalentemente da roverelle e lecci.
Nelle aree medie sono presenti il castagno e le pinete, le quali progressivamente, con il pino larìcio, si portano fino alle altezze maggiori, dove il faggio domina la copertura arborea.
Nella zona litoranea predominano agrumi, vite, olivo e l'orticoltura; sotto i 1.000 m esistono boschi di quercia e leccio, sopra i 1.000 m il pino larìcio, l'abete bianco e il faggio.

A 1.311 m sorge la stazione sciistica di Gambarie, con flusso di turisti da Calabria e Sicilia. In un'impervia valle nel cuore dell'Aspromonte, nel Comune di San Luca, si trova il Santuario della Madonna di Polsi, luogo di culto che, seppur difficile da raggiungere, diventa nei mesi estivi, specialmente a settembre, meta di turismo religioso.
Nel 1862, a seguito della Questione Romana, in cui sembrava che il Governo italiano volesse tenere un basso profilo, giustificato dagli accordi con Napoleone III protettore del Papa, Garibaldi tentò di arrivare a Roma con 3.000 volontari.
Ma la risoluta reazione dei Francesi costrinse Urbano Rattazzi ad intervenire e a mandare il Generale Enrico Cialdini a fermare Garibaldi.
A pochi chilometri da Gambarie, il 29 agosto 186, si svolse lo scontro, nel corso del quale Garibaldi fu ferito e preso prigioniero insieme con i suoi seguaci, alcuni dei quali vennero fucilati.
Nella località del Comune di Sant'Eufemia d'Aspromonte, dove l'eroe fu ferito, si trovano un mausoleo con un suo busto e delle lapidi che lo ricordano ed è indicato l'albero che, secondo la tradizione, è quello dove egli si appoggiò ferito.

Il Sentiero del Brigante è un sentiero calabrese di lunga percorrenza escursionistico, tematico, che parte dalla località sciistica di Gambarie, frazione di Santo Stefano in Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria e termina a Serra San Bruno e Bivongi-Stilo, nelle Serre Calabresi suddiviso in 9 tappe creato dal GEA (Gruppo Escursionisti d'Aspromonte) nel 1989 e completato l'anno successivo.
Sviluppandosi all'interno di 2 aree protette, il Parco nazionale dell'Aspromonte ed il Parco naturale delle Serre***, rappresenta un'importante risorsa per il turismo e quindi per lo sviluppo del territorio: è lungo circa 140 Km, ideale da percorrere in 9 giorni con 5 ore di cammino al giorno, ed è presente nell'Atlante Nazionale dei Cammini del MIBACT.
Il nome nasce dal fatto che fu una strada percorsa in passato da numerosi famosi briganti.
Il sentiero è percorribile in entrambe le direzioni e non presenta tratti impegnativi e d'arrampicata; la conclusione di ogni tappa termina nei pressi di aree antropizzate, quindi è sempre possibile terminare in anticipo il sentiero o percorrere anche solo singole tappe, il territorio da Gambarie al Passo della Limina, ricade nel Parco Nazionale dell'Aspromonte e dopo inizia la Catena delle Serre Calabre.
Il Parco nazionale dell'Aspromonte ha incluso il Sentiero del Brigante, da Gambarie al Passo della Limina, nella rete sentieristica del territorio del Parco, da percorrere in 4 tappe: Tappa 1 - Gambarie a Carmelia / Tappa 2 - Carmelia a Zervò /Tappa 3 - Zervò a Zomaro / Tappa 4 - Zomaro a Passo della Limina. Alla fine di ogni tappa, si ha la possibilità di usufruire di pernottamento e ristoro presso strutture ricettive.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.