#275 - 28 novembre 2020
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 24 settmbre, quando lascerà  il posto al numero 292. - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
turismo tempo libero

Inverno nelle vene

Di Claudio Bacilieri - Direttore di Borghi

La montagna è un’attrazione fatale. L’inverno è la sua stagione, dura e fredda come le rocce. E il Natale è il posto più bello dove adagiare l’inverno, nei labirinti dell’immaginazione. Se si è fortunati, si ritrova la strada che porta all’infanzia. E il Natale è lì ad aspettare, carico di doni, luci e affetti.

Inverno nelle veneInverno nelle vene

Natale significa venire al mondo, è il mistero della generazione. E se la nascita del Cristo è l’evento che lo determina, ricordiamo che per molto tempo i processi misteriosi della nascita e della fecondità hanno alimentato la venerazione per la maternità. Nelle società antiche questa venerazione si è trasformata nel culto della Dea Madre, origine del mondo e del suo rinnovamento.

Inverno nelle vene

All’alba delle religioni, la Terra Madre era la divinità suprema, adorata quasi ovunque.
La montagna richiama queste forze telluriche, soprattutto la montagna a dicembre, nelle notti in cui si sente l’inverno nelle vene.
Ignazio Silone ricorda la leggenda della Sacra Famiglia in fuga negli Appennini, inseguita dai carabinieri, la notte di Natale. Dopo la messa di mezzanotte, le famiglie in Abruzzo accendono il fuoco nel camino e lasciano nelle loro case la porta aperta e qualcosa da mangiare sul tavolo, affinché passando di lì la Sacra Famiglia possa rifocillarsi prima di riprendere la strada. La Sacra Famiglia è sempre in fuga, così come i pellegrini sempre camminano, valicano i monti, sentono fischiare il vento in inverno.

Inverno nelle vene

È con queste idee in testa che lasciamo le città invivibili, inquinate, desolate nella chiusura imposta dal virus, e inseguiamo, come scrive Michel Maffesoli (Del nomadismo, 2003), “la dimensione vagabonda di una vita che è allo stesso tempo fecondante, potente, brulicante”.
Per ritrovare il “sapore” delle cose vere non resta che la via di fuga. Un’arte della deriva, ovvero: “svincolarsi per meglio godere della prossimità delle cose”. Lo spazio diventa fluttuante, il tempo si riempie di intervalli, di pause, di soste dove prenderci di cura di noi stessi. Così, senza fretta, senza guardare i post-it con gli impegni appesi in cucina, senza compulsare ogni trenta secondi lo smartphone, entriamo dentro la montagna, l’inverno, il Natale.

Inverno nelle veneInverno nelle vene

Entriamo dentro i paesaggi che ci emozionano, dentro i paesi perduti, i borghi accovacciati dentro una conca, nella valle, o quasi sul punto di scivolare giù, se a sorreggerli è un ripido pendio. Scostando le tende della notte, apriamo la finestra: ci sorprende l’incanto di una nevicata.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.