#266 - 27 giugno 2020
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 10 luglio, quando lascerà  il posto al numero 267. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Cultura e Società

Modica, in Val Di Noto di Sicilia

Sulle spalle del Gigante

Abitare la Terra. Semplicemente. Insieme imparando a vivere insieme.
Habere, etiam possidere. Esse, ibidem consistere.

Semanticamente, un’identità presunta, artefatta, che domina e modella l’ambiente.
Filosoficamente, identità che nell’ambiente si forma in processo continuo d’osmosi.
In un senso o nell’altro, complemento o predicato che sia, l’habitat ci rende comunque una sua propria, intima, consapevolezza: in sostanza e vicenda;
per giudizio e sentimento.

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

Gigante è il nome che si dava a Modica, in Val Di Noto di Sicilia, alla collina della Giacanta, forse per assonanza lessicale o per corretta etimologia; ovvero per entrambe. E tal ci appare, in guisa d’un dio minor sdraiato, benevolo e possente, che ancor pasce gli armenti al capezzale, ed ancor rimembra, dei torrenti alle calcagna,
il fresco farfugliare.
Salire sulle sue spalle - oltre il senso letterale di inerpicarsi per le sue vie alla scoperta di quartieri popolari e tradizionali e di inediti scorci panoramici, di giardini fra dedali di pietra o di monumenti vegliati da mostri, di campagna adornata di selvatichezza primigenia - significa coinvolgere una molteplicità di soggetti d’ogni dove in un progetto liberamente partecipato, far sì che si uniscano e mettano a disposizione esperienze e virtù, competenze e passioni; al fine, disteso temporalmente, di curare, salvaguardare, valorizzare un territorio, magari sconosciuto, magari negletto. Significa intanto aprirne lo scrigno.”

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

Un’opera corale, di spirito comunitario. Un progetto dell’Umanità per l’Umanità.
Un ossimoro, apparentemente. Perché non v’è - per definizione - comunità che non sia separazione d’umanità: che non ne aggreghi i membri per distinzione di categoria e rivendicazione di titolo. A meno che non s’aggreghi, la famiglia umana, intorno ad una genetica devozione alla natura, una devozione laica, al suo ordine ed alla sua armonia, alle sue leggi come alla sua imperscrutabilità. Scevra d’alcuna pietra filosofale, orba di nova, moderna, illusione.

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

Peccato tuttavia, che sia la terra ad appartenere agli uomini, i quali, evidentemente, per disporne si e vi faranno la guerra. Disponendo altresì della morte nemica, per espungerla dal proprio orizzonte quotidiano. Concretamente e reciprocamente affermandola in perpetuo. Peccato originale, la protervia. Che non conosce spirito o ragione. La colpa ed il disonore.
Cum repetita optima intentione
Come può alfine, nell’era dell’ingiuria, una passeggiata semplice, originale o ardita, modificare uno stato d’anime, in flusso congiunto di coscienze che muova alla grazia comune ed alla salute planetaria?
Può, quanto un pontificale al dì od un consesso di sapienti. Il coraggio dell’eroe, la miseria dei pezzenti. L’onorata ghigliottina. Il silenzio dell’asceta, mentre il popolo è in fervore. Il naufragio d’un bambino. E la collera del re; la carezza, d’una regina.

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

Nulla può, se non rovescia il paradigma.
Passeggiare, dunque, per la gioia degli occhi e lo spasso dei piedi.
Muoversi discretamente, per consentire al mondo di manifestarsi.
Parlare col sorriso, con l’afflato, con il gesto o la posa di una mano.
Denudarsi di propria parvenza e pur rimanendo integri ed impuri.
Sporgersi oltre il proprio limite, fino al limite d’altri, e da lì inoltre.

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

Risentire il palpito della terra. Intuirvi l’orme del passaggio umano.
Ritrovarne segno, cicatrice, conio, l’opere d’arte e quelle di mestizia.
Riconoscere l’eguale gloria e la caducità di una foglia dell’universo.
Rinvenire la fortuna della esistenza mentre scorre nel tempo infinito.
E commuoverci, ammirati ed increduli del fervore della immensità.
Noi cittadini del mondo, di vari lidi e storie, di vari affanni e amori.
Insieme provando a camminare insieme e non solamente accanto.

Sulle spalle del GiganteSulle spalle del Gigante

     www.facebook.com/SullespalledelGigante
AFORISMI - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più¹ sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà  senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -