#263 - 16 maggio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 29 maggio, quando lascerà il posto al numero 264. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all’infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perché i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Di borgo in borgo

Un giorno nuovo alla vita

Ho scoperto un Borgo

Una suggestione di Lello Ruggiero

Il vento spazzava le stradine tortuose del borgo, foglie morte di sparuti alberelli piantati nel minuscolo spiazzo davanti alla chiesa, mulinavano nell’aria sempre più in alto e scomparivano con un ultimo svolazzo dietro un tetto, una torretta, un comignolo.

Le case, abbarbicate al fianco del dirupo, erano state abbandonate in fretta e furia a causa di un terremoto o di una frana, di una carestia… chi sa? Addossate le une alle altre in fragile equilibrio, erano solcate da profonde crepe verticali. Molti tetti pendevano sbilenchi, mantenuti miracolosamente in bilico dai tubi delle grondaie.

Ho scoperto un BorgoHo scoperto un Borgo

Lo stanco viandante, ivi giunto che era quasi sera, scelse per riposare la casa che gli sembrava più solida. Il portoncino era socchiuso, come se il proprietario fosse uscito per comprare qualcosa in piazza e non avesse più fatto ritorno. Entrò esitante, e si ritrovò in uno stanzone con le pareti e il soffitto anneriti dalla fuliggine di un enorme focolare. Al centro un tavolo con quattro sedie e, addossata alla parete, una madia. Appesi, dietro alla porta, un mantello di lana nero impolverato e un cappellaccio sformato. In un angolo, una ripida scala s’inerpicava verso il piano superiore.
Si stese per terra, il cappello a fargli da guanciale, e si addormentò profondamente.

Ho scoperto un BorgoHo scoperto un Borgo

La mattina dopo, s’incamminò di buonora verso la chiesa, nei cui paraggi, nell’arrivare il giorno prima aveva avvistato un pozzo. Calò giù il secchio ancora attaccato alla carrucola, e lo ritirò pieno d’acqua fino all’orlo. Cominciavano a piacergli sia quel paesino abbandonato che i piccoli comodi che gli stava offrendo; aveva trovato perfino una scatola di fiammiferi poggiata sul tavolo e un lacrimoso mozzicone di candela in un cassetto.

Ho scoperto un BorgoHo scoperto un Borgo

Dove se n’erano andati in fretta e furia gli abitanti?
Avrebbe dovuto frugare in tutte quelle casette cadenti, cercare oggetti, indumenti, ritratti appesi al muro; ogni cosa dimenticata che potesse fargli comprendere gli usi, le tradizioni, l’anima, il perché di chi vi aveva vissuto per generazioni e ne era poi fuggito.
Affascinato dalla suggestione e dal mistero di quel luogo, decise di fermarsi definitivamente a vivere là, in mezzo a quelle pietre stanche; rese cieche, mute e sorde dall’abbandono. Di lavoro da fare ce ne sarebbe stato tanto: ripulire, restaurare, rimettere in sesto vie tetti muri, riappropriarsi della campagna, coltivare, produrre senza inquinare, organizzare una comunità di donne, uomini, vecchi, bambini, animali, alla ricerca di un possibile modo d’essere alternativo…
Un dolce sogno dal sapore di nostalgia, un sentimento che, al contrario dello sterile rimpianto, spinge a riappropriarsi di ciò che era bello ed è andato perduto…

Ho scoperto un BorgoHo scoperto un Borgo

Tra un pensiero profondo e un altro meno, quasi inavvertitamente si era avviato lungo i ripidi acciottolati del borgo e ne era giunto alla sommità, proprio nel punto in cui si ergeva una croce di ferro che, nella luce del crepuscolo, proiettava sulle gobbe del terreno un’ombra lunga e ondulata come un pitone. Seduto sul primo gradino del basamento di pietra, gli occhi socchiusi a fissare il sole che lentamente s’inabissava a occidente, costrinse la mente a vuotarsi di ogni preoccupazione contingente…
Aveva finalmente trovato il luogo ed il tempo per animare plasticamente lo scenario di vita futuro che cercava invano… da quando era fuggito dalla città… D’incanto l’incolta arruffata campagna sotto di lui si trasfigurò: filari di alberi da frutta, orti, boschi, macchie fiorite, pascoli. E qua e là bianche fattorie, mandrie, casolari, ovili, stalle…e piccoli opifici brulicanti di attività… e le rotaie di un treno che si perdevano verso l’infinito… verso altri possibili mondi simili a quello che, nella sua immaginazione, già si stendeva idilliaco e sereno ai piedi dell’antico borgo.

Ho scoperto un BorgoHo scoperto un Borgo

AFORISMI - Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare sempre le stesse cose (A.Einstein) - Chi brucia libri, prima o poi, arriverà a bruciare anche esseri umani (H.Heine) - Chi ha cari i valori della cultura non può essere che pacifista (A. Einstein) - Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere (M.L.King) - Spesso commette ingiustizia non solo colui che fa qualcosa ma anche colui che non la fa (Marco Aurelio) -