#251 - 16 novembre 2019
AAAA ATTENZIONE questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi prossimo 24 gennaio quando cederà il posto al nuovo numero 255. BUONA LETTURA A TUTTI - Ed ora SORRISINI - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica
Iniziative

2020: Anno Internazionale delle Lingue Indigene Il contributo dei missionari comboniani allo studio e alla preservazione delle lingue locali nella loro opera di annuncio del Vangelo

Roma - Lingue, Missione, Memoria Una mostra bibliografica divisa in sei sezioni: editoria storica, testi, foto, video che mostreremo nei numeri successivi del giornale accompagnandola fino al suo termine di esposizione

Terza parte - le lingue riconosciute

Dai Denka agli Ewe agli Shilluk

Presentate attraverso testi di missionari e studiosi

I Denka (o Dinka) sono una popolazione del Sudan del Sud.
Abitano nelle regioni di Bahr al Ghazai, Kordofan del sud, Jonglei e Alto Nilo. Si calcola che siano 1.5 milioni di persone, corrispondenti al 18% della popolazione totale del Sud Sudan.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

La loro economia si basa soprattutto sulla pastorizia e sull’agricoltura, in particolare la coltivazione del miglio sulle sponde del Nilo e altre varietà di graminacee che però possono essere coltivate solo durante la stagione piovosa.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

I Denka non sono guidati da nessuna autorità politica centralizzata ma da una fitta rete di clan.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

La loro lingua madre chiamata denka oppure thuongjang appartiene al gruppo delle lingue nilotiche, del ramo Nilotico degli idiomi Nilo-Sahariani.
Nella lingua denka il loro nome significa “Persone”. Essa viene scritta usando l’alfabeto latino al quale sono aggiunti altri caratteri.

Dai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

La maggior parte dei popoli Gbè attuali (di cui fanno parte gli Ewè, gli Ajà e i Gen) sono venuti dall’Est, diverse migrazioni si sono succedute tra il X ed il XV secolo.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

Verso la fine del XVIII secolo, molti che parlavano lingie gbè sono stati ridotti in schiavitù e portati nel Nuovo Mondo.

Ciò ha fatto si che le lingue gbè abbiano giocato un ruolo fondamentale nella creazione di molte lingue creole delle Antille.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

Le lingue gbè formano una ventina di lingue apparentate, che vengono parlate nella zona situata tra il Ghana orientale e l’Ovest della Nigeria. Il numero totale di coloro che parlano le varie lingiue gbè è stimato tra i quattro e gli otto milioni.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

La lingua più parlata è l’ewe (o èouè) (3 milioni che la parlano in Ghana e Togo), seguita da fon (1,7 milioni, principalmente in Benin). Le lingue gbè sono tradizionalmente collocate nel ramo Lingue kwa della famiglia linguistica delle lingue niger-kordofaniane, ma, più recentemente, sono state classificate tra le lingue Volta-Niger.

Dai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

Gli shilluk (o Scilluk), regione che ha come centro la città illuk) sono una popolazione del Sudan meridionale.
Si riferiscono a se stessi come Chollo.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

Occupano la zona del bacino del Sobat al Nilo bianco, regione che ha come centro la città di Malakal e vivono di agricoltura e allevamento.
Vengono inoltre praticate la caccia e la pesca Parlano una lingua appartenente alla famiglia nilo-sahariana.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

Nel 2002 la popolazione stimata era di circa 600.000 individui. Rappresentano il terzo gruppo etnico del Sudan.
Vivono in grandi vlllaggi di capanne coniche ed entrambi i sessi si dividono il lavoro agricolo.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

La struttura sociale tradizionale è organizzata in clan familiari raggruppati in popolazioni tra di loro confederate. Un re ereditario e divino (reth), scelto tra i figli del re precedente, rappresenta l’eroe Nyilang, grande cacciatore e primo re, e simboleggia l’intero popolo, mentre i villaggi sono retti da capi eletti.

Dai Denka  agli Ewe  agli ShillukDai Denka  agli Ewe  agli Shilluk

AFORISMI - Vivi come puoi, da momento che non puoi vivere come vorresti (Cecilio Stazio) - Perdiamo i tre quarti di noi stessi per essere come le altre persone (A. Schopenhauer) - La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso tra tutti, anzichè diminuire diventa più grande (H.G. Gadamer) - La gentilezza è il linguafggio che il sordo può sentire e il cieco può vedere (M. Twain) - L'immaginazione è la prima fonte della felicità umana (G. Leopardi) - L'ignoranza è un vizio (Talete) - Se la pensi come la maggioranza il tuo pensiero diventa superfluo (P. Valéry)