#113 - 1 dicembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Iniziative

Una iniziativa di Anna Manna
dicembre 2014

Premio Europa Cultura

La donna risorsa per la cultura
e per l'affermazione di valori fondamentali del vivere civile

IL Premio Europa e Cultura, lanciato da Anna Manna il 31 gennaio del 2104, con la prima edizione, nella Sala delle Bandiere dell’Ufficio del Parlamento europeo a Roma, punta su un forte messaggio educativo : premiare cinque donne impegnate che hanno dedicato la vita e il lavoro quotidiano ai valori della ricerca culturale.

Premio Europa CulturaPremio Europa CulturaPremio Europa Cultura

Nella edizione di dicembre 2014 il Premio intende sottolineare il valore delle donne italiane premiando cinque donne che in campi diversi hanno dedicato la vita ed il loro impegno quotidiano all’affermazione di valori fondamentali del vivere civile raggiungendo nella loro professione traguardi che le indicano come Eccellenze italiane
Donne che hanno mirato non tanto all’affermazione di se stesse ma all’impegno ed al servizio culturale verso gli altri.
Donna come risorsa per una immagine femminile che supera la sterile contrapposizione con la figura maschile, ma che, anzi, vi si affianca nell’impegno per un miglioramento della società e delle condizioni umane e culturali dell’intera colletività.

Madrina del Premio è Marisa Ferrari Occhionero , sociologa di fama internazionale , che per molti anni è stata Delegata del Rettore alla Sapienza Università di Roma per le Pari opportunità.
Un discorso a tutto tondo sul valore femminile nel sociale, ponendo l’accento su donne che mirano al miglioramento della percezione della figura femminile, andando al di là della affermazione di fugaci e fatue espressioni del mondo femminile.

Corrado Calabrò, poeta che della donna ha fatto il centro del proprio canto, ha presieduto la Giuria che ha scelto le vincitrici:

Premio Europa CulturaPremio Europa CulturaPremio Europa CulturaPremio Europa CulturaPremio Europa Cultura

  • Elisabetta Falcieri ( docente all’Università di Urbino con eccellente curriculum accademico) per il notevole impegno nell’accostamento mutlidisciplinare Arte e Scienza.

  • Maria Chiaia per Impegno culturale ed umano nell'ambito del Centro Italiano Femminile, e con uno sguardo particolare al suo ultimo libro Donne d’Italia.

  • Maria Flora Monini per l'impegno come Empewerment (Fondazione Menotti a Spoleto per un rilancio della dimora storica che fu teatro di contatti ed incontri internazionali di Giancarlo Menotti).

  • Jole Chessa Olivares ,la Poesia nel futuro europeo, per il continuo contatto ed approfondimento con le tematiche e le ipotesi poetiche del mondo culturale internazionale.

  • Daniela Fabrizi per la fiducia nel valore dell’educazione che si è esplicitata nella fondazione di una Scuola di Poesia nella Provincia di Roma, nella cura costante del rapporto tra le esigenze della provincia e le proposte culturali delle capitale proiettate nel panorama europeo, nell’ideazione insieme ad altri poeti di un Manifesto dei Neoromantici per un Nuovo Umanesimo.
ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----