#244 - 13 luglio 2019
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà in rete fino a venerdi 23 agosto, quando cederà il posto al n° 245. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Alberi

13 associazioni ambientaliste scrivono al Governo

In difesa del paesaggio

Una norma per gli alberi

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Gli alberi sono, scientificamente, i perfetti alleati degli abitanti delle aree urbanizzate.
Eppure nel nostro Paese continuano ad essere trattati in modo profondamente negativo, come dimostrato dalle pratiche di capitozzatura che provocano la perdita di servizi ecosistemici e aumentano lo stato di pericolosità delle piante stesse che per effetto di azioni sbagliate finiscono per ammalarsi e perdere di stabilità. In Italia, dal 2013, è in vigore una legge che promuove l’incremento del verde urbano, ma a livello concreto ben pochi Comuni si sono dotati del Regolamento previsto e ovunque l’ “epidemia della mutilazione” procede senza limiti.

Una norma per gli alberi

Occorrerebbe una norma nazionale che vieti e sanzioni la capitozzatura, la mutilazione degli alberi e la degradazione delle infrastrutture verdi. Una norma che però, purtroppo, manca.
Per tale motivo un gruppo di Associazioni e Movimenti ha trasmesso un documento ai Ministri dell’Ambiente (Sergio Costa) e dei Beni e Attività Culturali (Alberto Bonisoli) per chiedere il loro impegno a dotare il nostro Paese di una norma nazionale, capace di ergersi come punto di riferimento per la corretta gestione del verde.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Nella lettera viene ricordato che: studi autorevoli, condotti da organismi come la FAO e da esperti nazionali e internazionali, hanno ormai chiaramente dimostrato che gli alberi sono, tra le altre cose, i perfetti alleati degli abitanti delle aree urbanizzate. Veri baluardi della qualità dell’aria e strumenti per il contrasto ai cambiamenti climatici, gli alberi hanno funzioni numerose e preziosissime: produrre ossigeno, stoccare anidride carbonica, mitigare la precipitazione delle ormai violente acque meteoriche, mitigare le temperature elevate (e quindi combattere efficacemente l’isola di calore), contribuire alla conservazione della biodiversità urbana.
I dati gravissimi resi noti da organizzazioni come l’OMS, secondo cui l’inquinamento dell’aria causa oltre 2 milioni di morti premature all’anno (82000 in Italia) rendono ancora più rilevante la funzione antiinquinante svolta dagli alberi.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Anche nel primo rapporto sullo stato del Capitale naturale in Italia, a cura del Comitato interministeriale per il Capitale Naturale, si sottolinea l’esigenza di intervenire a favore del benessere fisico e psichico della popolazione attraverso la promozione di infrastrutture verdi capaci di migliorare la connettività ecologica e potenziare i servizi della natura a vantaggio del well-being e della qualità della vita.
In ambito urbano si tratta di valorizzare le strutture verdi e blu, quali alberature stradali, parchi, boschi urbani, considerando che l’ammontare dei servizi ecosistemici erogati da alberi e siepi è direttamente proporzionale al volume della vegetazione, essendo gran parte di tali benefici prodotti dalle foglie, attraverso la fotosintesi clorofilliana.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Per tutto questo, gli alberi dovrebbero essere valorizzati, conservati, curati al meglio. Tuttavia, nel nostro Paese il trattamento che gli alberi ricevono è ancora estremamente negativo. Le nefaste e controproducenti pratiche di capitozzare gli alberi e distruggere le infrastrutture verdi sono diventate prassi consolidate.
Allarmanti e sempre più numerose sono le segnalazioni che giungono quotidianamente alle associazioni di tutela ambientale circa i danni che gli alberi subiscono, con conseguenti perdite di servizi ecosistemici e ricadute sulla salute dei cittadini, tra cui in primis le persone più anziane e i bambini. Per non parlare dell’aumento (solo apparentemente paradossale) dello stato di pericolosità delle piante, le quali, sottoposte a tale pratica, si ammalano e perdono stabilità.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Una dura critica della capitozzatura giunge anche dalle “Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile” del Comitato per lo sviluppo del verde pubblico del Ministero dell’Ambiente, secondo cui la capitozzatura è una pratica inaccettabile di potatura e ogni danno causato dalla caduta dei rami di alberi gestiti scorrettamente può essere riconosciuto come negligenza presso un tribunale. In quello che gli addetti ai lavori ritengono il miglior testo sulla gestione degli alberi attualmente disponibile (Klug P., 2007, La cura dell’albero ornamentale in città) la capitozzatura viene definita un intervento distruttivo che riduce severamente la chioma dell’albero e trasforma i rami a monconi.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

A sua volta, il padre dell’arboricoltura moderna, Alex Shigo, parla della capitozzatura come di un crimine contro la natura che distrugge la dignità dell’albero, indebolendolo e rendendolo quindi più pericoloso.
Nonostante l’articolo 6 della Legge n. 10 del 14/01/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, che ai commi 1 e 2 prevede che i comuni debbano promuovere l’incremento del verde urbano, ad oggi le città dotate di Regolamento del Verde urbano pubblico e privato sono ancora pochissime. Peraltro, le leggi regionali e i regolamenti del verde comunali esistenti non bastano più ad arginare tale “epidemia della mutilazione”, così come insufficienti (perchè non cogenti) risultano le “Linee Guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile”.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

Le associazioni scriventi chiedono ai Ministri interessati un impegno per ottenere una norma, che diventi il punto di riferimento imprescindibile nella gestione del verde e bandisca definitivamente, sul territorio nazionale, la pratica della capitozzatura: iniziativa, che rappresenterebbe un atto ambientale e sociale importantissimo e un’azione culturale avanzata.

Una norma per gli alberiUna norma per gli alberi

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9