#239 - 4 maggio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Racconto

Da Assisi al mondo

San Francesco disegnato

Un racconto della vita del Patrono D'Italia - 3^ parte

GianMaria Polidoro - Lucio Trojano - Editrice Velar

di certosino

Come San Francesco aggiunse al suo Cantico la lode a Dio per la sorella nostra, la Morte del corpo perchè sono beati quelli che muoiono in pace con Dio e i fratelli.
Per Essi Dio ha riservato una corona di gloria.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Come San Francesco prima di morire benedisse tutti i suoi frati presenti e futuri e raccomandò loro gli insegnamenti di Gesù. E si fece posare sulla terra nuda come per farsi accogliere dalla madre Terra.
Era la sera del 3 ottobre 1226.

Come San Francesco, dopo aver imparato a vivere secondo il Vangelo, ispirò (insegnò) a frate GianMaria cosa sia la pace, perchè la pace, come dice Gesù, è veramente possibile. Non ci fa essere arroganti, ma uomini che sanno accettare ed amare gli altri.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Come San Francesco ispirò che la pace non è soltanto un patto o una tregua e non si fa la guerra con la scusa di creare la pace. La pace è la somma di tutte le cose buone. E' "Shalom", come dice la Bibbia. E disse di salutare così; Il Signore ti dia pace.

Come San Francesco ispirò che fa pace chi crea un modo di vivere nuovo: invece della superbia la "dignità"; invece dell'avarizia la "parsimonia"; invece della lussuria "l'amore"; invece dell'ira la "nonviolenza"; invece della gola la "Morigeratezza"; invece dell'invidia l"emulazione"; invece dell'accidia la "laboriosità".

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Come San Francesco ispirò che la pace è possibile. Possiamo portarla nel mondo chiedendo a tutti di cambiare il modo di dar valore alle cose materiali. Esse sono da usare se necessarie, ma non ne siamo i padroni. Come ha fatto lui dopo Gesù.

Come San Francesco ispirò il ricordo che Dio ha creato il mondo nella pace. Per invidia del diavolo nel mondo entrò l'odio e dopo l'odio cominciarono le uccisioni e tutte le guerre.
E disse che le persone sagge, per avere la pace, tolgono dal cuore l'odio e l'invidia.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Come San Francesco ispirò che dobbiamo imparare a scoprire tutte le cose belle e tutte le qualità positive di ogni persona.
Tutti siamo stati creati ad "immagine e somiglianza di Dio" (cioè nulla è contro Dio): Ed è tutto bello quello che Dio ha creato.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.