#235 - 2 febbraio 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 15 febbraio, quando lascerà il posto al numero 236. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi : AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Arte

Dalle matite di un architetto

I monti di Filippo Parodi

Magia delle dolomiti

Ho fatto favolosi viaggi tra monti gelati
ho percorso sentieri bianchi e scalato picchi fatati,
ho inventato paesaggi a penna disegnati,
senza muovere un passo dal leggìo colorato
del mio tavolo sporco e invecchiato.
Sono stato nelle Dolomiti di Sesto
incantato dalle cime ballerine,
sono sceso oltre Cortina
per ammirare la "Sedia di Dio”
e infine in volo sulle Pale di Martino
per onorare il Velo.

I monti di Filippo Parodi

  C253 – La luna di Cima Undici.(33,5x25)

– Un faro di luce bianca accentua le ombre ma non riesce a nascondere la nervosa stesure del disegno a penna, alcunepunte emergono dal fondo lontane e confuso. Sembra che le cime anelino alla luce tingndosi di bianco anche senza neve, come ballerine ansiose sul proscenio del teatro di Madre Natura.

I monti di Filippo Parodi

  C255 – La luna del Pelmo.(50x35,5)

La grande parete bagnata dalla luce lunare mantiene ancora sentori di sole, pagliuzze di rossi sotto il chiarore bianco romano le superfici. Le ombre scure disegnano in negativo speroni e contrafforti poi scendono verso valle confondendo I contorni. Nel buio trovano ancora riflessi sufficienti le Crode da Lago che formano quinte illustri nel grande teatro della “Roga de Dio”.

I monti di Filippo Parodi

 C256 – La grande luna.(35x50)

I raggi della grande luna bagnano la parete est poi scivolano sul torrione principale e infine sfioranoil Pelmetto dando risalto alle rocce dello spigolo. Le ombre nascondono le valli dando risalto alle Crode frastagliate e al Becco di Mezzodì. L’atmosfera è misterioso: poche luci sulle crode e il buio sulle falde degradanti e sui ghiaioni che scendono verso valle

I monti di Filippo Parodi

  C254 – La luna sulle Pale . (35x25)

Una falce di luna è sufficiente a tingere di bianco le pareti innevate, esalta le cime e le balze disegnando ombre sui nevai e sulle rocce screziate di bianco. Eppure sui contrafforti rocciosi, pagliuzze rosse emergono quasi a ricordare I colori del sole, gelati dal freddo della notte lunare. Anche sui pian di neve le ombre si colorano di effetti rosati come se il freddo della note avesse sospeso l’annullamento dei colori del giorno.

AFORISMI - Vivi come puoi, da momento che non puoi vivere come vorresti (Cecilio Stazio) - Perdiamo i tre quarti di noi stessi per essere come le altre persone (A. Schopenhauer) - La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso tra tutti, anzichè diminuire diventa più grande (H.G. Gadamer) - La gentilezza è il linguafggio che il sordo può sentire e il cieco può vedere (M. Twain) - L'immaginazione è la prima fonte della felicità umana (G. Leopardi) - L'ignoranza è un vizio (Talete) - Se la pensi come la maggioranza il tuo pensiero diventa superfluo (P. Valéry)