#222 - 7 luglio 2018
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascer il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

Storia e visioni fotografiche d'artista

Calcata - (Viterbo)

Calcata...Borgo disubbidiente

Rimarrà aperta fino al 26 agosto 2018 nei weekend, la mostra fotografica sulla storia di Calcata: una città che sopravvisse a un decreto di demolizione emanato nel 1935 per dare vita nel corso del tempo a un doppio insediamento che ancora oggi ospita le due diverse comunità di Calcata Vecchia e Calcata Nuova.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

La mostra racconta la storia della ‘disobbedienza’ civile di Calcata, così come le sue tradizioni e la vita quotidiana, che nel corso del Novecento si sono intrecciate con le campagne di ricognizione e gli scavi condotti dalla British School e dalla Soprintendenza nei siti dell’antica città falisca di Narce.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

A Calcata molti creativi hanno i loro studi: sono pittori, scultori, grafici, operatori culturali, musicisti, attori.
Le tendenze e le ricerche sono diverse e sono presenti varie espressioni artistiche, da quelle figurative e quelle astratte, da opere realizzate con tecniche vicine alla natura e all'ambiente, alla fotografia e alla video-arte. Non mancano ricerche che usano strumenti collegati con le più moderne tecnologie.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

Tutto ciò fa di Calcata una "straordinaria anomalia”: un borgo medievale che contiene, in un piccolo e suggestivo spazio, un’altissima concentrazione di artisti.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

Tale caratteristica, che forse non ha pari in tutta Italia, va salvaguardata e promossa. La storia, l’ambiente e il ”profumo” di arte e di cultura fanno di Calcata un esempio unico, un modello di villaggio ideale che dobbiamo custodire perché continui ad essere un prezioso patrimonio per tutti. Calcata è piena di energie nascoste che vanno scoperte e vissute con interesse e passione.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

Dopo il terremoto di Messina del 1908 alcuni borghi vengono giudicati poco sicuri e, nel 1935, una legge decreta l'abbandono e la demolizione delle case di borghi ritenuti a rischio. Anche Calcata è tra questi e deve essere abbandonata dai suoi abitanti. Una Calcata Nuova inizia a vivere poco distante.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

Ma la Calcata medievale non muore. Nei primi anni '60 inizia una nuova era per questo stupendo piccolo borgo che diventa qualcosa di diverso: un luogo d'incontro tra persone che, come dice Paolo Portoghesi, uno dei primi scpritori del borgo, "sentono i fattori negativi dell'ambiente urbano, persone interessate alla cultura e che apprezzano ciò che è piccolo, in scala umana". Perizie geologiche hanno confermato la solidità della rupe ed il borgo ha riottenuto l'abitabilità.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

Calcata è di origine falisca. Costruita su uno spettacolare sperone tufaceo, è nel Parco Regionale della Valle del Treja, in provincia di Viterbo a circa quaranta chilometri da Roma in una zona abitata fin dalla metà del II millennio a.C.
Sui colli intorno a Calcata e soprattutto su Narce, Pizzo Piede e Monte Li Santi, scavi archeologici hanno individuato tracce di un grande abitato falisco che ebbe la sua massima fioritura tra il VII e il VI secolo a.C.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

I falisci era una popolazione italica connessa con il mondo etrusco ed aveva come capitale Faleri Veteres, l'odierna Civita Castellana. Nel 241 a.C. Tutta l'area passa sotto la dominazione romana.
Il borgo, come si può ancora oggi vedere, conserva una struttura medievale. Fu feudo degli Anguillara, dei Sinibaldi e, infine, dei Massimo.

Calcata...Borgo disubbidienteCalcata...Borgo disubbidiente

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.