#220 - 9 giugno 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 giugno, quando lascerà il posto al numero 221. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nesun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
letteratura

A dieci anni dalla scomparsa

Treppo Carnico - Friuli Venezia Giulia

Ricordo di Gina Marpillero

Vita di una illustre scrittrice del '900 friulano

Nota di Mario Turello

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

Si inserisce all'interno della manifestazione Setemane de culture furlane 2018 la mostra "Vita di Gina Marpillero nel '900 friulano".
Presso la Galleria d'Arte Moderna "E. De Cillia", mostra sulla vita della scrittrice nata ad Arta Terme nel 1912.

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

A dieci anni dalla scomparsa (1912-2008), viene riproposta la mostra che percorre la vita della scrittrice profondamente legata alla valle del But come alla Bassa friulana, sua terra d’adozione. Le sue opere delineano un quadro d’epoca, passando dall’autobiografismo al ritratto della sua terra e della società moderna.
Un omaggio all’autrice di prose, poesie e racconti che, negli anni Trenta, fu un’impiegata della Società Filologica Friulana.

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

Per meglio conoscere l'autrice e la sua opera trascriviamo una parte del testo di introduzione alla mostra di Mario Turello.
[…] Una vita lunga, quella di Gina, più lunga del “secolo breve”:
Novecento friulano è il titolo, che la mostra riprende, del suo libro più personale, più intimo.
Da esso e dagli altri suoi, e da questa mostra, emerge non tanto un affresco storico del Friuli, quanto un esempio di friulanità incarnata e vissuta: la se stessa bambina di Arta fu per Gina oggetto, più che di nostalgia, di fedeltà.

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

Ricordando la propria ritrosia alla lettura, ricorda d’averla giustificata constatando che sua madre, donna che aveva letto pochissimo, «scriveva bellissime lettere, aveva una mente aperta, una visione equilibrata delle cose, senso dell’umorismo, comprensione degli altri, generosità d’animo».
Chiunque l’abbia conosciuta, di persona o come autrice, non mancherà di riconoscere a Gina le stesse doti: apertura mentale, da vecchia come da giovane; visione equilibrata delle cose, buone o cattive che fossero; capacità di sorridere, degli altri e di sé, senza mai irridere; simpatia estesa dalle persone agli animali e persino agli oggetti; generosità non solo materiale, ma relazionale; e se sua madre sapeva scrivere bellissime lettere, bellissime sono quelle scritte da lei a Taliute, o al nipote Dario, e quasi tutte le sue pagine in versi o in prosa, in friulano o in quel suo vivacissimo italiano friulanizzante.

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

Nostalgia per Arta e per la Carnia, amore però anche per Porpetto e per la Bassa: uno stupendo paragone che Gina fa tra il But e il Corno, per quanto a favore del primo, si conclude così: «comunque ho deciso che si possono avere anche due amori diversi». È una dichiarazione che molto ci dice del suo animo grande; fa il paio, ad altro livello, con il piacere di fare due cose allo stesso tempo (durante le rogazioni, sui prati, mangiare e pregare insieme!). Essere di paese, ma soprattutto essere, pienamente, da non bastare il tempo, da non accontentarsi di un’unica manifestazione, o d’una sola alla volta, di sentimenti o di attività.
Meglio se creative, le attività, e magari in qualche misura redditizie, ma il più spesso “inutili”, essay writer, semplicemente belle, semplicemente sue: passioni, appunto. […]

Ricordo di Gina MarpilleroRicordo di Gina Marpillero

APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -