#217 - 28 aprile 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 6 luglio, quando lascerà il posto al numero 222. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi : AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Editoriale

Il Palio e la Cuccagna

di Dante Fasciolo

S’affollano intorno allo steccato i passionali,
incuriositi o innervositi spettatori,
per godere e soffrire pochi attimi della gara.
Testardi cavalli mal sopportano la vicinanza
e pazienti oltre ogni limite i fantini
tutto tentano per un allineamento al nastro di partenza.

Si conta già sui possibili vincitori,
cavalli con esperienza provata, o debuttanti sfrontati;
tutti tesi a primeggiare ad ogni costo.
Spinte, dispetti, insulti, qualche violenza
e all’ultima curva, un ultimo colpo di reni
per portare uno zoccolo avanti di un palmo.

Al Palio di Siena un solo cavallo sarà vincitore,
un solo fantino trionferà, osannato,
ma al traguardo potrà arrivare primo un cavallo scossato
senza cavaliere…e a vincere sarà la contrada
senza merito alcuno oltre il tifo e il battimano
ma chiamata a custodire il premio ricevuto.

Non da meno è il trio che segue:
cavallo, fantino, contrada che perde la gara.
Rammarico, risentimento, ammissione…
il repertorio è uno spartito che scotta;
abbracciare il vincitore? Come è difficile farlo!
Provarci solo per difendere il buon nome della gara?

Ecco allora il cambio del gioco, è l’albero della cuccagna
chiamato ad assicurare la dignità della gara con onestà.
Ha in cima i suoi doni: il consenso, la lealtà, la verità…
chi tra i concorrenti riuscirà a scalare l’albero,
ora impiastricciato di espedienti negativi all’ascesa,
potrà aggiungere ai premi la dignità,
virtù che non ha bisogno di facili abbracci.

APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre le tasse (M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A: Graf) - Il mondo è cominciato senzal'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso non accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (A: Einstein) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) . -