#214 - 24 marzo 2018
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterŕ  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerŕ  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, puň durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni piůą importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchč" (Mark Twain) "L'istruzione č l'arma piů potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non č un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchč i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltŕ  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensě nella capacitŕ  di assistere, accogliere, curare i piů deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltŕ  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo č un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminositŕ , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...moderni?

Al

di Giuseppe Sanchioni

Parliamo di Intelligenza Artificiale, anzi di Artificial Intelligence (AI), in straniero, che detta così aumenta di molto il Quoziente Intellettivo (QI).

Grande scalpore ha suscitato la notizia dell’incidente occorso all’auto della UBER che conduce i test di guida autonoma. Essa infatti ha investito un pedone e sembra che il pilota umano che comunque supervisiona il sistema non sia riuscito ad intervenire per evitare l’impatto. Sembra però anche che il pedone abbia deciso di attraversare la strada fuori dalle strisce pedonali al buio.
E non è la prima volta che auto di test con sistemi a guida autonoma siano state coinvolte in incidenti di “percorso”. Però quello che sembra accomunare i fatti è che gli incidenti sono stati causati da soggetti che non hanno rispettato le regole. E questo è il problema: le nostre strade sono piene di gente e di buche che non rispettano le regole. Pedoni che non usano il marciapiede e camminano in strada, automobilisti che non rispettano i segnali, ammesso che li vedano, altri che non rispettano le file o i parcheggi, altri ancora distratti dai telefoni, buche troppo larghe che non ci passi sopra, buche a tradimento dietro una curva o invisibili perché piene d’acqua.

A questo punto sorgono due possibili spiegazioni del fenomeno.
La prima è che l’Intelligenza Artificiale sia geneticamente superiore all’intelligenza naturale. Problema facilmente aggirabile mettendo un po’ di bastardaggine naturale nei computer: e di questo gli stranieri potrebbero chiedere a noi italiani che ne sappiamo qualcosa.
Oppure questa evoluzione ha dato fastidio ai poteri forti che hanno cominciato a prendere le contromisure. Se tutti potranno acquistare un’auto anche senza patente perché non più necessaria che ne sarà dei gestori delle autoscuole? Si creeranno altri disoccupati e tutto un mondo andrà in crisi. E dopo di loro se le auto a guida autonoma, forti delle loro Intelligenze Artificiali non contaminate da quelli naturali, non commettessero più infrazioni, che ne sarebbe dei vigili urbani e dei comuni disastrati che cercano di risanare le loro casse asfittiche con le multe, i tutor, i permessi, e tutte le altre diavolerie che inventano? E se tutto andasse secondo le regole, come farebbero le assicurazioni ad aumentare la classe di merito degli automobilisti per raddoppiar loro il premio ed aggiungere tutte le clausole accessorie che inventano? E come potrebbero campare tutti quelli che vendono assicurazioni truffa con tagliandi fasulli? E come vivrebbero i ministeri senza le tasse sulla patente, i rinnovi, le visite mediche, gli esami dati decine di volte, i CQC, i certificati, e tutti i pezzi di carta che servono per andare avanti in questa società che definiscono 4.0 senza più carta?
Signori di UBER che avete interrotto i test, prima di riprenderli pensateci bene! Ancora non siamo usciti da una crisi economica devastante e già all’orizzonte se ne potrebbe aprire un’altra. Sarebbe l’estinzione di tutto un mondo, paragonabile forse solo a quella dei dinosauri. Se ne parlerebbe per millenni.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.