#209 - 20 gennaio 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 giugno, quando lascerà il posto al numero 221. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nesun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
Televisione

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

Ne sutor ultra crepidam. Al termine della messa domenicale trasmessa, come di consueto, da RAI1, la profonda voce impostata della cronista di turno accompagna il deflusso dei fedeli con parole d’intonazione didascalica: “Dicevano gli antichi Nomen Omen” e, dopo una breve, studiata pausa “La parola è l’uomo (sic)”, traduce prontamente con inconsapevole maccheronismo.

ZappingZapping

Invitiamo l’edificante giornalista a scambiare un amorevole segno di pace con la lingua latina che, come Lazzaro di Betania, un giorno ci piacerebbe veder rinascere a nuova vita. La struttura logica, cristallina di quella sintassi organata come un raffinato congegno, il piacere intellettuale di accostarsi con etimo virtuoso, al mistero delle parole… Nel salotto vernacolare di Paolo Del Debbio, su Rete4, l’immancabile Alessandro Cecchi Paone, ancora una volta visibilmente alterato, difende a spada tratta con toni apodittici e decisamente sopra le righe, contro i totalitarismi, l’ideologia cristiano-liberale di cui si professa convinto seguace...”Il cristianesimo e il liberalismo non hanno mai ucciso nessun” afferma con la fede inconcussa dell’adepto. Non sappiamo se sia vero, né ci importa saperlo. Solo registriamo una certa valenza tirannica ovvero “vampirica” della parola, che sia essa “Nazismo” o “Liberalismo, “Cristianesimo” o “Fascismo”: termini di cui spesso non possediamo realmente il significato e che, forse, proprio per questo, si impadroniscono delle nostre forze più intime facendo di noi dei ciechi antagonisti o degli altrettanto ciechi sostenitori.

ZappingZapping

Saltabeccando da un canale all’altro ci accorgiamo – ma è veramente impossibile non accorgersene - che è iniziata a spron battuto la campagna elettorale. A marzo si vota! E vai con la solita questua, con le promesse, i sorrisi, gli ammiccamenti, l’eloquio imbonitore o astutamente polemico! Lunghi primi piani dei candidati su prosceni illuminati a festa o al contrario foschi ma provvisti di abili luci orientate a dare risalto allo spazio scenico. Ci balza d’acchito alla mente Il Rosso e il Nero e un breve passaggio del romanzo in cui Stendhal si sofferma, con la profonda leggerezza di cui spesso è capace, sulla tirannia dell’opinione. E ci sovviene – il gioco delle analogie è davvero imprevedibile - un lontano ricordo dei nostri vent’anni: il celebre Rosse Buurt di Amsterdam con le sue vetrine scintillanti, i grandi sorrisi ammiccanti, le astute promesse di un illusorio istante di piacere.

ZappingZapping

APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -