#206 - 18 novembre 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Iniziative

Dagli incontri promossi dalla Fondazione Nigrizia al Centro Missionari Comboniani

Verona - Vicolo Pozzo 1

Cooperazione armata

Il commercio delle armi

Cooperazione armataCooperazione armata

Mentre il governo italiano pensa a come arginare l’immigrazione spostando i confini delle proprie frontiere all’interno dell’Africa, in modo da fermare chi intende partire già prima che arrivi in prossimità delle coste d’oltre Mediterraneo; il disegno di legge di Bilancio 2018 mostra un incremento annuo del 3,7% (circa 700 milioni) del budget destinato al ministero della Difesa, che passa dai 20,3 miliardi del 2017 ai quasi 21 miliardi del 2018. Un incremento non da poco, se si considera che la voce di spesa prevede un aumento del 10% dei fondi ministeriali destinati all’acquisto di nuovi armamenti (2,3 miliardi) e dei costi previsti per la loro manutenzione (1,7 miliardi).

Cooperazione armataCooperazione armata

Ma l’Italia non arma solo sé stessa. In barba a quel che afferma l’articolo 11 della nostra Costituzione, che ci ricorda che «L’Italia ripudia la guerra, come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali», e alla legge 185 del 1990, che prevede il «divieto di esportazione di armamenti verso paesi in stato di conflitto armato», continua a crescere il numero delle autorizzazioni rilasciate per la vendita in tutto il mondo (ben 82 Paesi ad oggi) di armamenti e sistemi d’arma italiani.

Cooperazione armataCooperazione armata

Una realtà che non preoccupa il governo che, ricorda Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per il Disarmo, «dovrebbe esercitare il ruolo del controllore al fine di rilasciare autorizzazioni in linea con le indicazioni della legge i principi della Legge 185/90, non di sponsor dell'industria militare». Ma i numeri di uno stato troppo interessato alle vendite e meno ai controlli ci dicono che l’Italia è terza per numero di Paesi di destinazione delle vendite, dopo Usa e Francia, e che nel 2016 le esportazioni italiane di sistemi militari hanno superato i 14,6 miliardi di euro, con un aumento dell'85,7% rispetto ai 7,9 miliardi del 2015.

Cooperazione armataCooperazione armata

In testa agli 82 paesi destinatari di armi italiane c’è il Kuwait, seguito da Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Arabia Saudita, Usa, Qatar, Norvegia e Turchia.
Il valore delle autorizzazioni all’esportazione solo per il 36,9% riguarda i paesi dell’Unione europea e della Nato (5,4 miliardi) la gran parte, cioè il 63,1%, è diretta a nazioni extra Ue e Nato (9,2 miliardi). In particolare, troviamo al primo posto i paesi dell’Africa Settentrionale e del Medio Oriente che con oltre 8,6 miliardi euro ricoprono da soli più del 58,8% delle autorizzazioni.
Prima armiamo i regimi poi cacciamo chi da quei regimi fugge.

Cooperazione armataCooperazione armata

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----