#202 - 22 settembre 2017
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Cultura e Società

Terrorismo variabile religiosa

Di Giancarlo Salvoldi

C'è una questione che riguarda non solo i credenti ma tutta la società, anche se molti intellettuali preferiscono non prenderla in considerazione:
è dalle teologie che discendono le antropologie e da queste discendono le sociologie.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Non occorre avere la fede, ma basta solo l'intelligenza per capirlo.
In tutti i tempi e in tutti i continenti i popoli hanno sviluppato l'idea di Dio e se ne sono fatti un'immagine, una diversa dall'altra.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

In Occidente il fenomeno religioso è andato incontro a un forte processo di secolarizzazione che spinge anche a relegarlo nella sfera del privato.
Con la globalizzazione l'Europa si trova in casa 50 milioni di islamici e milioni di induisti, sik, animisti, buddisti, confuciani, zoroastriani.
La cultura dominante europea scristianizzata, ha perso perfino le categorie mentali del religioso, e non è più in grado di capire le grandi masse popolari per le quali la religione costituisce la guida dei comportamenti sia personali che sociali.
Per questo ora diventa necessario che in Europa laici e credenti stringano un patto forte per studiare e capire le teologie, che sono la chiave interpretativa del comportamento di tanti gruppi etnici di cui non capiamo niente.
La ragione ci spinge ad affrontare in termini scientifici un problema che è importante per tutti, perchè, piaccia o non piaccia, la libertà religiosa è la madre di tutte le libertà, e il dialogo interreligioso è la prima base su cui si possono costruire gli altri dialoghi.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

La storia insegna che ogni popolo si è fatto una sua immagine di Dio e che da quel profilo ha elaborato una sua teologia, una determinata visione del mondo e una cultura che hanno disegnato il profilo antropologico di quel popolo: è dalle teologie che discendono le antropologie.
I sociologi insegnano che dalle antropologie, cioè dai profili di uomo che nel tempo le diverse culture hanno saputo disegnare, discendono le sociologie e cioè i diversi modi di organizzare le società.
La conoscenza delle teologie dei popoli che vivono in Europa è sicuramente necessaria per la convivenza delle varie religioni, ma lo è altrettanto per la società civile e per la difesa dei valori di libertà e di democrazia che si inscrivono nel quadro della nostra cultura millenaria.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Le nostre radici sono greco-giudaico-cristiane, e grazie ad esse l'Europa è stata la culla della libertà e della democrazia.
L'Illuminismo europeo è figlio legittimo del cristianesimo perchè è esattamente da lì che discendono i valori di libertà, uguaglianza e fraternità.
A sua volta l'illuminismo è il padre della laicità e dunque della libertà e dignità della persona e quindi dei diritti umani.
Il cristianesimo e i valori della libertà :"aut simul stabunt aut simul cadent", cioè o si sorreggeranno a vicenda o crolleranno insieme.
Infatti la Chiesa ha commesso errori ed orrori quando ha calpestato i valori della libertà e della dignità della persona.
E i paladini della libertà, come ad esempio i giacobini e i bolscevichi, hanno commesso errori ed orrori quando hanno calpestato la fraternità cristiana.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Tra le tante teologie del mondo, perchè l'illuminismo è nato nella teologia cristiana in Occidente, mentre quando è nato anche altrove non ha potuto svilupparsi e non ha dato risultati in termini di libertà e democrazia?
Non è questione di confronti tra teologie e culture e meno ancora di giudizi se alcune siano meglio di altre.
Ogni teologia e cultura ha elaborato contenuti ed obiettivi che liberamente ha scelto e che rispondevano ai suoi valori e alla sua visione del mondo.
In mondi diversi da quello occidentale è stato considerato più importante ed essenziale qualcosa di diverso dalla nostra idea di libertà.
E che questo discorso sia scevro da qualunque giudizio di valore lo possiamo capire pensando alla vicenda di Madre Teresa di Calcutta.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Madre Teresa curava gratuitamente ed abbracciava con amore i poveri e i malati derelitti, e cercava di salvarli o di farli morire con dignità.
Teresa aveva il profilo antropologico derivante dalla sua immagine di Dio, che è il Padre di amore e carità rivelato da Gesù Cristo.
Gli indiani di cultura induista o buddista che passavano sulle stesse vie e scavalcavano malati e moribondi, non erano egoisti o cattivi.
Essi si comportavano secondo il loro profilo antropologico, chiaramente derivante dalla loro "immagine di Dio" e dalla loro teologia, che chiedeva loro di non intervenire e di non soccorrere perchè i poveri e i moribondi stavano semplicemente vivendo il loro "Karma", il percorso che dovevano fare.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Questa riflessione aiuta a capire perchè esiste una connessione tra terrorismo islamico e islam.
Fare questa affermazione non significa voler fare la guerra all'islam, ma, al contrario, porre le condizioni per un dialogo su basi di realtà.
Chi oggi si affanna ad affermare che l'Isis/Daesh non ha niente a che fare con l'islam fa un danno mortale all'Europa ma anche all'islam.
L'abbiamo sperimentato in Italia il fenomeno, comprensibile, per cui di fronte alle Brigate rosse si diceva che non c'entravano niente con la sinistra.

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Davanti al terrorismo islamista endemico, molti intellettuali continuano a dire che è causato dal colonialismo e dallo sfruttamento del petrolio.
A me sembra colonialismo culturale, e narcisismo, voler dare noi la nostra lettura del terrorismo in chiave economico-sociale, ignorando del tutto quello che i protagonisti fanno e scrivono e dicono: ascoltiamoli, varrà di più la loro motivazione o quella che pensiamo noi?
Hanno chiaramente detto che odiano il nostro stile di vita, il libero arbitrio, la libertà religiosa, la libertà sessuale: sono come i nazisti.
Chiudere i loro covi non è vietare la libertà di culto, e infatti quasi tutti i governi musulmani hanno chiuso centinaia di moschee salafite.
La soluzione del problema del terrorismo deve passare per forza dalla riscoperta delle radici delle teologie.
L'islam deve leggere bene il Corano, e l'Occidente deve ricordare l'afflato messianico che fonda la "Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo".

Terrorismo variabile religiosaTerrorismo variabile religiosa

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)