#199 - 18 agosto 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Iniziative

Una interessante iniziativa friulana

Socchieve - (Udine)

Il futuro della tradizione

39^ Rassegna Carnica di Arte, Cultura, Lavoro

Una settantina di espositori, accuratamente selezionati, partecipano alla 39^ edizione della rassegna artigianale ed artistica di Socchieve, in Carnia.

Il futuro della tradizioneIl futuro della tradizione

Scopo della rassegna - che avrà termine il 27 agosto - è valorizzare e promuovere le attività artigianali ed artistiche di qualità; la creatività e l’ingegno degli imprenditori e degli artisti che operano nel settore.
A Socchieve, quindi, viene esposto un compendio delle eccellenze della produzione dell’artigianato artistico in Carnia: Botteghe di artigianato artistico e tradizionale e le loro produzione di mobili, tessuti, abbigliamento, ceramica, pelletterie, oreficeria, strumenti musicali, sculture in legno…

Il futuro della tradizioneIl futuro della tradizione

Tradizione, creatività e design si fondono e si confrontano in una piacevole quanto raffinata mostra che di anno in anno seleziona e racconta l’evoluzione dell’artigianato artistico in Carnia.
Un significativo spazio espositivo è dedicato anche al settore agro-alimentare; un’attività che contribuisce a valorizzare i territori ed a riscoprire i saperi ed i sapori di un tempo.

Il futuro della tradizioneIl futuro della tradizione

Il progetto de “Il futuro della tradizione” punta a contribuire alla crescita sociale ed economica del territorio.
A nostro avviso è importante valorizzare i prodotti frutto dell’ingegno degli artigiani e degli artisti delle nostre montagne. Ma anche invogliare i visitatori a recarsi nelle botteghe artigiane in modo da promuovere la conoscenza delle nostre vallate.
Mai come quest’anno la rassegna vuole proporre una “cultura materiale” che si riappropri del territorio e che rovesci il pregiudizio negativo sulla manualità.
Non è casuale, ad esempio, il coinvolgimento di alcuni Istituti Scolastici che stanno dando grande impulso alla valorizzazione delle manualità.

Il futuro della tradizioneIl futuro della tradizione

Ospitando queste attività vogliamo sottolineare il ruolo fondamentale della scuola nella (ri)scoperta di lavori e mestieri di antichissima tradizione, di grande impatto culturale e con un significativo influsso anche sulla nostra economia. Una difesa del lavoro ben fatto dove testa e mano sono collegate. La riscoperta di questi principi potrebbe essere la chiave di volta per conquistare ulteriori e diversi mercati più attenti alla qualità dei prodotti o dei manufatti.

Il futuro della tradizioneIl futuro della tradizione

La rassegna si avvale anche di iniziative collaterali:

Antonio e Livio Pascolo, Artisti della medaglia. Uno spazio per ricordare la Grande Guerra. Incontro con la cooperativa “Taviele” di Cercivento. Alla scoperta dei tesori del nostro patrimonio artistico. Premi Gianfrancesco 2017.

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----