#109 - 27 ottobre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Cinema

Dal Festival del Cinema di Roma "Gone Girl"

David Fincher è tornato

di Giada Gentili

Con "Gone Girl" David Fincher è tornato a colpi di narrazione serrata e imprevedibilità, dopo il film-tartaruga che fu "Il curioso caso di Benjamin Button" e la biografia ben riuscita di Mark Zuckerberg in "The Social Network". Per stupire il pubblico al cinema si ricorre sempre più spesso ad effetti speciali mastodontici o cast a 5 stelle, Fincher stavolta ha usato la solida e potente sceneggiatura di Gillian Flynn (che ha scritto anche il libro da cui è tratto il film). Un'opera sopratutto da leggere quindi, seguire, scrutare: protagonista Nick Dunne, Ben Affleck (le cui spalle sono una bella dimostrazione di quanto si stia preparando bene a “Batman v Superman"), che viene accusato dell’omicidio della moglie scomparsa Amy. Da un incipit così banale è stato tirato su un thriller acuto, un film sociologico, antropologico, e anche un tantino splatter.

Dal Festival del Cinema di Roma Dal Festival del Cinema di Roma

Splendida interpretazione dell'attrice protagonista Rosamund Pike che odora di Oscar (o quantomeno di candidatura) e riuscito il gioco con cui lo spettatore al cinema diventa anche spettatore all’interno del film: a portare avanti le varie teorie dei colpevoli, della violenza, è infatti mamma televisione, i cui riflettori donano luce positiva o negativa ai suoi protagonisti. David Fincher riesce a trasportare chi ha pagato il biglietto al cinema, su un divano a casa, chiedendogli quanto sia colpevole Ben Affleck, chi è la bestia, chi il vero mostro, in un continuo spostamento dell’ago della bilancia.

Dal Festival del Cinema di Roma Dal Festival del Cinema di Roma

La televisione è trascinata al livello infimo che merita, senza arrivare a brutalizzarla come in "Hunger Games", ma prendendosene gioco fino a ridurla a un semplice giocattolo con estrema intelligenza. Il titolo tradotto in italiano “L’amore bugiardo” è inutile e anche pericoloso per chi non ha visto il film, si intuisce molto, troppo, della trama, “Gone girl” era sufficientemente semplice da poter essere compreso dai più. Ultima pecca: il finale, sì inatteso (e questo è già un punto a favore) ma poco definitivo e molto vago, sono uscita dal cinema con la tentazione di andare a cercare Fincher e chiedergli in ginocchio, di aggiungere 5 minuti davvero conclusivi al film.

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -