#109 - 27 ottobre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cinema

Dal Festival del Cinema di Roma "Gone Girl"

David Fincher è tornato

di Giada Gentili

Con "Gone Girl" David Fincher è tornato a colpi di narrazione serrata e imprevedibilità, dopo il film-tartaruga che fu "Il curioso caso di Benjamin Button" e la biografia ben riuscita di Mark Zuckerberg in "The Social Network". Per stupire il pubblico al cinema si ricorre sempre più spesso ad effetti speciali mastodontici o cast a 5 stelle, Fincher stavolta ha usato la solida e potente sceneggiatura di Gillian Flynn (che ha scritto anche il libro da cui è tratto il film). Un'opera sopratutto da leggere quindi, seguire, scrutare: protagonista Nick Dunne, Ben Affleck (le cui spalle sono una bella dimostrazione di quanto si stia preparando bene a “Batman v Superman"), che viene accusato dell’omicidio della moglie scomparsa Amy. Da un incipit così banale è stato tirato su un thriller acuto, un film sociologico, antropologico, e anche un tantino splatter.

Dal Festival del Cinema di Roma Dal Festival del Cinema di Roma

Splendida interpretazione dell'attrice protagonista Rosamund Pike che odora di Oscar (o quantomeno di candidatura) e riuscito il gioco con cui lo spettatore al cinema diventa anche spettatore all’interno del film: a portare avanti le varie teorie dei colpevoli, della violenza, è infatti mamma televisione, i cui riflettori donano luce positiva o negativa ai suoi protagonisti. David Fincher riesce a trasportare chi ha pagato il biglietto al cinema, su un divano a casa, chiedendogli quanto sia colpevole Ben Affleck, chi è la bestia, chi il vero mostro, in un continuo spostamento dell’ago della bilancia.

Dal Festival del Cinema di Roma Dal Festival del Cinema di Roma

La televisione è trascinata al livello infimo che merita, senza arrivare a brutalizzarla come in "Hunger Games", ma prendendosene gioco fino a ridurla a un semplice giocattolo con estrema intelligenza. Il titolo tradotto in italiano “L’amore bugiardo” è inutile e anche pericoloso per chi non ha visto il film, si intuisce molto, troppo, della trama, “Gone girl” era sufficientemente semplice da poter essere compreso dai più. Ultima pecca: il finale, sì inatteso (e questo è già un punto a favore) ma poco definitivo e molto vago, sono uscita dal cinema con la tentazione di andare a cercare Fincher e chiedergli in ginocchio, di aggiungere 5 minuti davvero conclusivi al film.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.