#195 - 10 giugno 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Iniziative

Una nuova proposta educativa da "Comune"

Istituto comprensivo "Gianni Rodari" - Roma

Caffè letterario

Una nota di Maria Pia Foresta

Il Caffè Letterario nell’immaginario di molti è uno spazio che sembra poter vivere esclusivamente in luoghi d’élite e di ricchezza. Non sempre è così.

Caffè letterarioCaffè letterario

Un Caffè letterario - informa Maria Pia Foresta - è nato, ad esempio, nella scuola Gianni Rodari (un istituto comprensivo che include tre primarie e una media), situata in un quartiere della periferia romana, caratterizzato da assenza di spazi verdi, scarsa presenza di centri ricreativi, culturali e dove il disagio giovanile e la dispersione scolastica costituiscono un binomio spesso inscindibile.

Per combattere la dispersione scolastica, che sappiamo bene non si manifesta e identifica unicamente con l’abbandono, si è affrontata una grande sfida. Con le poche risorse finanziarie a disposizione e utilizzando le ore di potenziamento, si è deciso di creare uno spazio aperto dove raccontare storie di parole, immagini, musica per affermare un modo diverso di “essere scuola”, non chiusa all’interno delle proprie mura, ma aperta alla sperimentazione di nuovi orizzonti e allargata al territorio in una prospettiva di incontro, di confronto e condivisione (alla relazione tra scuola e territorio in aprile stato anche dedicato un seminario promosso con la redazione di Comune e l’associazione Il Laboratorio, durante il quale si sono incontrate associazioni con il maestro Franco Lorenzoni.

Caffè letterarioCaffè letterario

L'iniziativa ha coinvolto bambini, ragazzi e genitori nella realizzazione di panchine e tavoli, con l’utilizzo di materiali riciclati (panche, piastrelle, bobine in legno porta cavi…) e non, che saranno utilizzati come “biblioteche” sia mobili sia fisse.

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----