#190 - 14 aprile 2017
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascer il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Risurrezione

di Dante Fasciolo

Milioni di sms, post sui social, telegrammi…
per non parlare di telefonate,
si rincorrono in ogni angolo del globo
per gli auguri di Pasqua.
Una festività principe per i cristiani,
meno sentita per altre popolazioni,
comunque accettata come festa del cuore
a cui si affidano parole di pace.
Eppure, per troppi uomini, donne e bambini,
questa festa appare bestemmia,
quasi un insulto alla drammaticità della loro vita
compressa tra bisogni e guerra.
L’anelito di una Risurrezione
alimenta le coscienze degli uomini
in affanno in questo tempo di negazioni,
e i giorni della Pasqua leniscono le ferite.
Sono sinceri gli auguri, più intimi gli amori,
più salde le relazioni di fratellanza,
il desco e l’incontro cementano
amcizia e sincerità…oggi, Pasqua Cristiana.
Domani il vortice dei giorni
senza memoria e senza volontà.
La conseitudine spinge al successo, al denaro…
l’interesse personale sprofonda nel pozzo dell’egoismo.
Siamo in molti a contraddire la Pasqua,
mentre inviamo auguri conditi di serenità;
e sono molti, troppi, coloro ai quali
la Pasqua e i suoi valori sono negati.
Se non iniziamo a lavorare perché
Pasqua sia tutti i giorni, per tutti gli uomini,
le parole e i messaggi che intrecciano
sono l’ultimo inganno alla nostra coscienza.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.