#173 - 19 novembre 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

Fotografia dall'archivio di Federico Patellani

Cinisello Balsamo - Museo di fotografia contemporanea - (Milano)

La guerra è finita

Nasce la repubblica

Una selezione dell’archivio di Federico Patellani – conservato integralmente presso il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo e composto da 690mila pezzi tra stampe originali, provini e negativi, oltre alla fedele ricostruzione del suo studio – è confluita nel percorso espositivo La guerra è finita. Nasce la Repubblica. Milano 1945-1946.

La guerra è finitaLa guerra è finita

Con la curatela di Kitti Bolognesi e Giovanna Calvenzi, è in corso e resterà visitabile fino al 15 gennaio 2017, la mostra intende celebrare i 70 della Repubblica Italiana attraverso un corrispondente numero di immagini di notevole forza visiva, focalizzate sul racconto della distruzione e della rinascita di Milano dal termine della Seconda Guerra Mondiale in poi.

La guerra è finitaLa guerra è finita

Di particolare rilievo è la sezione focalizzata sulla campagna referendaria che divise in Paese nella scelta tra Monarchia e Repubblica, prima occasione per le donne italiane di esprimere la propria preferenza alle urne. In questo corpus di opere, sono presenti anche immagini elevate a simbolo della storia del dopoguerra e già note al grande pubblico, come nel caso della cosiddetta “donna della Repubblica”.

La guerra è finitaLa guerra è finita

Riprodotte in grande formato, le fotografie di Federico Patellani restituiscono dinanzi agli occhi dei visitatori il ritratto memorabile, tra sofferenza, speranza e tenacia, di una fase fondamentale della storia nazionale.

La guerra è finitaLa guerra è finita

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.