#155 - 18 aprile 2016
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Arte

Galleria Istituto Portoghese - Roma

L'improbabile mondo di Alice

Mostra di pittura di Violante Saramago Matos

L'improbabile mondo di AliceL'improbabile mondo di Alice

Violante Saramago Matos espone a Roma, fino al 25 aprile, presso la Galleria dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio.
Ha voluto portare a Roma il suo mondo, la sua arte…il sapore della sua vita.

Violante, portoghese, ha respirato da sempre l’impegno e la poesia degli anni che ha trascorso accanto ad un padre noto ed ammirato ovunque, e ha respirato la passione degli anni giovanili, delle lotte studentesche di opposizione alla dittatura e alla guerra coloniale che ha vissuto il suo Paese.

Impegno e passione civile che riverbera ora nella sua pittura, ancorchè animata da un lungo soffio di quella poesia che colora i giorni della serenità.
Come biologa consegna alla fantasia le sue conoscenze e trasmette direttamente alle tele il calore e il colore che albergano il suo cuore.

L'improbabile mondo di AliceL'improbabile mondo di Alice

Non ingannino le tinte tenui, gli orizzonti sfumati, i paradisiaci habitat; essi evocano qualcosa di strettamente personale, di progetti non finiti, di albe non compiute…sospese; e bene ne coglie il senso Giulia Lanciani nel presentare il catalogo della mostra: “Una pittura che si muove in perenne irrequietezza, tra illusione, speranza, frustrazione, alimentata dal desiderio – utopico – di un mondo migliore, e l’immediata presa di coscienza della sua impraticabilità, del suo fallimento o nel migliore dei casi della sua improbabilità. Come improbabile è, ad esempio, prefigurare il futuro di un mondo in cui le differenze razziali e culturali siano abolite di fronte alla contemplazione estatica( ed estetica) di una bellezza primordiale che attinga dall’universo qualcosa di nuovo e di unico ( si veda ‘L’improbabile mondo di Alice’ – in cui animali diversi convivono in apparente, ma in sostanza ambigua, armonia – simbolo dell’ingannevole apertura verso tutto ciò che è estraneo, in verità pura avversione per il ‘diverso’ che avvelena l’Europa, e la inaridisce).

L'improbabile mondo di AliceL'improbabile mondo di Alice

Se frustrazione aleggia intorno all’artista, non meno invade i cuori di quanti sentano una responsabilità verso le pieghe del nostro tempo: Ciascuno faccia ricorso alla propria attitudine, alla consapevolezza del proprio credo, alla volontà che muove il pensiero e l’azione….la forza che trascina nel baratro, il vortice che inghiotte le coscienze sono oggi meno segrete e ogni giorno appaiono più chiare ai nostri orizzonti che siano…l’utopia di un mondo migliore è a portata di mano di ciascuno…e Violante è già da tempo al lavoro con le proprie efficacissime armi.

L'improbabile mondo di AliceL'improbabile mondo di Alice

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.