#149 - 22 febbraio 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Alberologia

Ciclo sugli alberi seguendo l'itinerario divulgativo
del libro "Alberologia" di Antonio De Bono, edito da Osanna Edizioni

Gli alberi nella mitologia dell'Europa Centrale

Mitologia slava

Quando parliamo di mitologia slava ci riferiamo alle credenze di quelle popolazioni che rappresentano il gruppo linguistico indoeuropeo più numeroso d’Europa.
Di tuta questa moltitudine fanno parte gli slavi occidentali (cechi, slovacchi,polacchi), gli slavi orientali (bielorussi, russi, ucraini), gli schiavi meridionali, e tutti quei popoli compresi nell’ex Jugoslavia (serbi, croati, bosniaci, macedoni, montenegrini, sloveni e anche il popolo dei bulgari).
Qui l’albero rappresenta non la sede di uno spirito, ma uno spirito in se stesso, inseparabile dalla sua dimora, come lo è l’anima dal corpo, come l’Amadriade dal suo albero: Non è dunque esagerato affermare che in tutte le terre slave gli alberi vengono considerate persone, uomini trasformati.

Mitologia slavaMitologia slava

Nella grande Russia, ad esempio, si pianta sulla tomba una betulla: Quando il primo soffio tiepido di primavera la vegetazione si risveglia, i contadini dicono: “i morti hanno sospirato”, cioè hanno emesso un fiato caldo.
Tutti gli slavi si affrettano allora a cogliere i rami rinverditi di betulla e a introdurli nei villaggi e nelle case perché in quei rami hanno preso dimora le anime dei parenti trapassati.

Mitologia slavaMitologia slava

Gli antichi slavi credevano che i regni fossero strutturati verticalmente su una quercia gigantesca che, a sua volta, sosteneva tutto l’universo. La quercia, dunque, sinonimo di un nuovo inizio, simbolo di saggezza. All’ombra dei suoi rami, secondo le antiche usanze slave, venivano stipulati importanti trattati commerciali e militari. Nella regione del Volga ogni villaggio ha una quercia sacra o consacrata detta anche haci-timo ovvero albero del grande giorno poiché sotto i suoi rami si celebrano i riti pasquali.

Mitologia slavaMitologia slava

Come tutte le popolazioni indoeuropee, anche gli slavi hanno associato all’albero del mondo vari animali: le api, a d esempio, sono diventate l’intermediario privilegiato fra i tre mondi: All’albero della quercia, invece, venivano associati quattro cervi che si nutrivano dia della ghianda che delle foglie, un’aquila nidificava fra i suoi rami e dei serpenti che avvolgevano ed esploravano le sue radici.

Mitologia slavaMitologia slava

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.