#145 - 18 gennaio 2016
PER VOI ECCO QUALCHE MASSIMA: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoria

Un saggio sulla rotta del futuro dell'uomo - prima parte

Come il Titanic?

Guido Bissanti - Aracne Editrice

Otto capitoli e sessantacinque paragrafi
per raccontare una storia tutta da inventare.
Visione di un futuro prossimo venturo
che chiama ciascuno responsabilmente:
un appello a scienza, conoscenza e coscienza
rivolto ai passeggeri del pianeta, unica barca comune.

E non sembri retorico questo accenno a una imbarcazione
poichè l'autore porta come esempio il Titanic,
per spiegare con analogia stringente
il superficiale cammino della odierna società globale
distratta e non curante , arrendevole e manchevole
delle più elementari nozioni per uno sviluppo consapevole.

La rotta che la nostra "barca comune" sta percorrendo
è la stessa che percorse il Titanic....imperterrito,
teso a tutta velocità verso la conquista di un effimero primato:
mostrare i muscoli della galoppante industria,
la determinatezza del comando, l'ingegno e l'arguzia
per conquistare uno spicchio di gloria di pochi.

Quanto è simile la vicenda dell'"inaffondabile" Titanic
agli eventi che caratterizzano la nostra epoca?
Allora come ora:
Sulla "plancia del comando", equipaggio e governo;
sulle "classi alte" i potenti, l'orchestra w il mondo scientifico e culturale;
più "in basso" i passeggeri comuni, la stragrande maggioranza degli uomini.
La domanda è complessa ed esige una risposta,
che l'autore sviluppa in modo eloquente ed esaustivo
a partire dalla considerazione che l'attuale società,
figlia della "certezza" della " ragione illuminista"
sappia vederne i limiti ed elaborare tesi capaci
di comprendere al meglio le leggi, principi e regole dell'universo.

E' questa la tesi al centro del volume dell'autore:
Un impgno costante e maturo dei governi,
affinchè non operino in leggerezza come l'"equipaggio" del Titanic;
una maggiore ponderatezza della scienza e della cultura,
affinchè la conoscenza non somigli alla sicumera delle "classi alte";
un invito all'"orchestra" dei mass-media
affinchè suonui una musica più consona al momento storico;
una più responsabile attenzione allo stile di vita
e un maggiore controllo sulle decisioni del potere,
affinchè il popolo"in basso" cessi di ignorare quale futuro gli è riservato.

1 - continua

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9