#135 - 28 settembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Fumetto

Eco di un tempo ormai lontano

Asso di picche

di Giada Gentili

...forse il primo eroe avventuroso del fumetto italiano risorto circa settant’anni fa, dopo la guerra.
Ne furono autori Mario Faustinelli e Hugo Pratt, il grande disegnatore allora alle prime armi, che aveva scoperto i fumetti durante la sua permanenza in Africa. Sui giornali dei soldati americani c’erano storie di Milton Caniff, di Chester Gould o magari di Al Capp, i cui disegni affascinavano il giovane Pratt.

Asso di piccheAsso di picche

Dopo la Liberazione e la fine dei problemi bellici, intorno ai due autori si raccolse a Venezia un gruppo di giovani di belle speranze e di sicuro avvenire, dal futuro scrittore Alberto Ongaro al futuro regista Damiano Damiani, che con altri crearono l’Asso di Picche, un giornaletto che prendeva il nome dal protagonista della storia principale.
Nelle vicende di questo personaggio misterioso e mascherato come Superman c’era l’atmosfera della grande avventura americana. Ma per gli italiani queste storie – che oggi possiamo giudicare piuttosto prevedibili – erano una novità, e facevano scoprire mondi nuovi.

Asso di piccheAsso di picche

Dietro la maschera e la tuta con il simbolo dell’Asso di Picche, si nasconde un coraggioso e misterioso giornalista che combatte la criminalità del clan delle Pantere nere e del Club dei 5. Compie imprese valorose e riesce anche a conservare il mistero della sua identità, ignorata persino dalla fidanzata.
La rivista, come tutte le iniziative prive di fondi, concluse presto la sua vita.
L'appetito vien mangiando, ma anche leggendo e...curiosando.

Asso di piccheAsso di picche

Ignorante dei vecchi fumetti e totalmente presa dai nuovi, questo viaggio nel tempo, mi ha aperto, oltre le notizie su vecchi personaggi, autori, storie di fumetti, uno spaccato dell'Italia di "quei" tempi che si rispecchia, in modo più o meno fedele, nei fumetti (oltrechè in tutte le arti, certamente).
Un periodo fecondo è stato il secondo dopoguerra. L'ho visto solo nei film neo realisti e nella letteratura. Il mio occhio appassionato di fumetto, è ben lieto quindi di presentare al pubblico di oggi questi (in)dimenticabili fumetti. Qui si parla di mondi nuovi e criminalità. Si era dopo il 1945 e mi viene fatto di pensare che anche Asso di Picche era figlio di quei tempi.
Il grande "Paisà" di Rossellini e "Ossessione" di Visconti hanno lasciato un segno dell'Italia del dopoguerra ma era anche un paese che cercava altri mondi e una nuova era di giustizia. Proprio in questo contesto storico, l'Asso di Picche divenne un personaggio popolare. (chi scrive non è un'appassionata di carte, comunque...).

Asso di piccheAsso di picche

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -