#103 - 8 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 settembre, quando lascer il posto al numero 313. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Pagine Preziose

Bal – Kan

Hespèrion XXI

Jordi Savall – AliaVox – Sonjade -Tàlea

La regione dei Balcani trae il nome da un’etimologia particolarmente evocativa: è dopo aver scoperto la bellezza di questa cerniera dell’Europa, che corre dall’Italia al Bosforo, ma anche l’asprezza dei suoi abitanti, che opponevano una forte resistenza all’invasione, che i Turchi scelsero le parole Bal (Miele) et Kan (Sangue) per indicarla.
Miele e Sangue: mai una metafora s’è legata così bene al suo oggetto.
Tanta ricchezza e tanti drammi concentrati in così poco spazio, da far venire le vertigini agli storici e agli artisti – tra cui i musicisti in prima linea. Jordi Savall ci invita a percorrere questa terra attraverso un programma ambizioso costruito attorno ai cicli della vita, in cui drammi intimi e drammi storici sono sempre coinvolti. 230 minuti di musica che esplora lo spettro delle emozioni umane, illuminate da innumerevoli tradizioni musicali dalle radici comuni.
Il futuro appartiene a chi ha la memoria più lunga, diceva Nietzsche. Jordi Savall dimostra ancora una volta brillantemente che la musica ha un ruolo importante nella costituzione di una memoria collettiva, permettendoci di costruire il nostro avvenire. Questo libro-CD riccamente documentato, con 5 saggi e una Cronologia dei Balcani tradotti in 12 lingue, dovrebbe trovarsi nella discoteca e nella biblioteca di ognuno di noi.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.