#127 - 27 aprile 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
alimentazione

Una mostra fotografica, un documentario, un dibattito
in collaborazione con COE
e il 25° Festival Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Spazio Aperto San Fedele - Milano

Terra mortificata

Le immagini di Alfredo Bini
dall'Arabia Saudita, la Cina, la Corea del Sud, il Qatar, gli Emirati Arabi.
La nota di Gigliola Foschi.

Terra mortificata

Dopo il Visa pour l’Image di Perpignan, il Brooklyn Photoville Festival e China Pingyao International Photography Festival, il lavoro di Alfredo Bini Land Grabbing or Land to Investors? viene ora presentato a Milano, presso il San Fedele, proprio nel periodo dell’Expo, dal 5 maggio al 5 giugno, a cura di Gigliola Foschi.

Terra mortificataTerra mortificata

Il termine land grabbing (“terra carpita, accaparrata”) è stato introdotto nel 2008 dall’organizzazione non governativa GRAIN (Genetic Resorces Action International) e si riferisce agli accordi aventi a oggetto l’acquisto di milioni di ettari di terreno nei paesi poveri da parte di multinazionali dell’agribusiness, di potenti gruppi finanziari o di agenzie governative straniere, principalmente appartenenti a paesi quali l’Arabia Saudita, la Cina, la Corea del Sud, il Qatar, gli Emirati Arabi.
Dopo la crisi economica del 2008, l’acquisto della terra si è infatti rivelato una possibilità di investimento sempre più redditizio e sicuro, a causa di molteplici fattori economico finanziari. Tale operazione – che in Africa vede coinvolti paesi come il Madagascar, il Ghana, il Mozambico, il Sudan e l’ Etiopia – non mira certo a “nutrire il pianeta” (come vuole il titolo dell’Expo di Milano) bensì ad arricchire le multinazionali che investono e ad avvantaggiare i paesi ricchi.
Il land grabbing si presenta insomma come un’ultima versione del neocolonialismo, che priva della loro terra i pastori e i piccoli coltivatori locali, oltre a comportare l’abbattimento di foreste e il sequestro delle zone di pascolo, l’erosione del suolo, l’accaparramento dell’acqua e la perdita della biodiversità.

Terra mortificataTerra mortificata

Ebbene, la ricerca di Alfredo Bini – che si è concentrata, a titolo d’esempio, sull’Etiopia, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi – ha voluto documentare tale complessa e problematica realtà attraverso un’indagine approfondita, in cui la fotografia, accompagnata da ampi testi esplicativi, si nutre di uno sguardo lucido, proteso a comprendere le cause e lo sviluppo di questo fenomeno. Le sue immagini, simili a precisi tasselli, mostrano infatti la distruzione in Etiopia delle foreste e dei pascoli, per fare posto a serre e a campi destinati alle palme da olio e alla canna da zucchero, per poi spingersi fino a Dubai e in Arabia Saudita, dove vengono esportati i vegetali prodotti in Etiopia nelle terre divenute proprietà Saudita. Tutto questo in un paese come l’Etiopia dove 6 milioni di abitanti possono sopravvivere alla fame solo grazie agli interventi delle Nazioni Unite.

Terra mortificataTerra mortificata

Di fronte a catastrofi e tragedie umanitarie (siccità, guerre, carestie) la fotografia può anche “parlare da sola”, limitandosi a mostrare, in tutto il loro orrore, i risultati drammatici di una crisi in corso, tanto da suscitare immediati sentimenti di compassione e dolore, senza bisogno di ulteriori, argomentati commenti. In un caso invece come quello del land grabbing, la sfida a cui un fotografo si trova di fronte diventa più sottile e più difficile. Qui infatti non ci sono eclatanti eventi tragici da raccontare: il land grabbing è un processo strisciante e pervasivo, dove i danni alle persone e alla terra possono anche mostrarsi con il volto tranquillizzante di una bella serra di fragole perfettamente irrigata da solerti lavoratori.

Terra mortificataTerra mortificata

Ben consapevole di queste difficoltà, Alfredo Bini si è dimostrato all’altezza della sfida. Ha deciso infatti di accompagnare le sue immagini – solo apparentemente “tranquille” – con una serie di precise informazioni che ci permettono di cogliere tutta la gravità del fenomeno in corso. Ed ecco allora che quelle stesse immagini vengono ad acquisire una drammaticità, un’intensità che a prima vista non avremmo attribuito loro. Leggendo e insieme guardando, ci rendiamo conto infatti che dietro situazioni agresti fintamente “idilliache” si cela invece l’esproprio della terra nei confronti di comunità indifese, in quanto prive dei necessari documenti scritti per attestare il possesso della terra (per molte popolazioni era infatti il diritto consuetudinario a fare legge); si apre la strada a un utilizzo privato dell’acqua che penalizza pesantemente le popolazioni locali; si disgrega l’agricoltura tradizionale, basata sulla diversificazione, per favorire una monocultura pensata solo per l’esportazione. Ecco dunque che cos’è il land grabbing – ci dice Alfredo Bini - una devastante politica alimentare basata sull’accaparramento della terra altrui.

Terra mortificataTerra mortificata

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -