#122 - 9 marzo 2015
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"Una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

Signa - Firenze

Museo della paglia e dell'intreccio

Mostre ed eventi per diffondere una cultura secolare

di Alessandro Gentili

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

Il Museo della Paglia e dell’Intreccio, intitolato a Domenico Michelacci, colui al quale si deve la nascita dell’industria della paglia e del cappello a Signa, si è costituito nel 1995 con la precisa volontà di porsi come rappresentativo di questa tradizionale produzione che, dal 1718, continua ancora oggi.

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

Nato come Museo del distretto produttivo del cappello, voluto e sostenuto dalle aziende che operano nel settore, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Signa, conserva materie prime, manufatti e macchinari che testimoniano l’intera filiera di lavorazione del cappello di paglia.
Accanto all’attività conservativa, il Museo Michelacci si è prefisso lo scopo di diffondere cultura, attraverso la creazione di un archivio e di una biblioteca specializzata che permettono agli studiosi di approfondire la conoscenza della storia e delle tecniche dell’intreccio.
Fa parte di questo progetto anche la creazione della Collana Testi e Studi propria del Museo.

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

Numerose sono le mostre e gli eventi che il museo ha proposto e realizzato in questi primi dieci anni: si ricorda fra le altre la mostra con la quale venne festeggiato il Giubileo del 2000, intitolata L’oro dei Poveri, che vide l’esposizione di rari reperti d’arte sacra ricamati con la paglia.
Un’altra mostra prestigiosa è stata quella tenutasi ai primi del 2004, dal titolo Identità e diversità.
Il cappello e la creatività, nelle sale di Palazzo Medici Riccardi, che ha visto artisti contemporanei di fama internazionale ispirarsi al tema del cappello. Grazie al successo che ha riscosso, la mostra è divenuta itinerante e si è poi spostata a Mosca, presso il M’ARS Contemporary Art Musèum.

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

Accanto all’esposizione permanente, due sale del Museo sono destinate alle mostre temporanee.
Attualmente in corso è la mostra della Collezione di Elisa Dapples.
Ad un anno dalla sua scomparsa si è voluto ricordare la signora Dapples che nel 2005 aveva donato al Centro Signa Arti e Mestieri la sua ricca e variegata raccolta di ceste e cestini per depositarla al Museo della Paglia e dell’Intreccio. Gli esemplari, aggiungendosi al precedente Fondo Paoli e a innumerevoli altri provenienti da ogni parte del mondo, hanno formato una delle collezione di manufatti in fibre vegetali intrecciate più interessanti d’Italia.

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

Il cappello della sovrana. Il museo conserva una rarissima cloche realizzata con una treccia di paglia finissima dalle dimensioni eccezionalmente piccole che ne fanno un unicum del panorama mondiale degli antichi cappelli di paglia. Essa conta ben centoventicinque giri di treccia in tredici fili rammagliata alta soltanto pochi millimetri. Si ha solo memoria di altri due cappelli simili: uno realizzato per l’Imperatrice d’Austria Elisabetta, dopo che già nel 1836 la Corte Imperiale di Vienna aveva acquistato un cappello simile, realizzato dalla famosa trecciaiola fiorentina *Agnese Nannucci, e l’altro, acquistato nel 1857 dalla Corte toscana per la Granduchessa, ancora più strabiliante per la sua fattura.

Museo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccioMuseo della paglia e dell'intreccio

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.