#260 - 4 aprile 2020
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascerà  il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
archeologia

Una necropoli da visitare con un prossimo Trekking

Cavo degli Zucchi

Una proposta dell'Associazione Culturale TevereNoir
diretta da Antonello Ghera

Il Cavo degli Zucchi: spettacolare tagliata di necropoli lungo l'antica via Amerina, con circa 200 tombe, che conserva l'antica pavimentazione a lastre di basalto con ai lati numerose sepolture di epoca romana, colombari a cielo aperto e resti di un mausoleo.

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

L' Amerina fu realizzata nel 241-240 a.C. per unire antichi tracciati locali che collegavano Veio con Ameria (l’attuale Amelia in Umbria) attraversando tutto il territorio falisco e toccando i suoi principali centri: Nepet (Nepi), Falerii (Civita Castellana), Fescennium (Corchiano), Gallese, Vasanello e Hortae (Orte).

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

Tra Civita Castellana e Fabrica di Roma, tra le forre falische, in un’area detta Tre Ponti e Cavo degli Zucchi, un pezzo della via Amerina è tornato alla luce, in uno splendido stato di conservazione.
Attraversando il torrente Rio Maggiore su un ponte di ferro e legno si raggiunge l’antico ponte romano del II secolo - presso il fosso tre ponti situato sul percorso che parte dalla località Fabbrece a Civita Castellana - ancora camminabile poichè intatto, così come risulta camminare l’antico basolato sempre di epoca romana, in un luogo di indiscusso fascino fino alle rovine di Falerii Novi.

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

Il sito centrale di tutta la zona è il complesso di Cavo degli Zucchi, una grande tagliata nel tufo che permetteva di agevolare il dislivello del territorio falisco alla via Amerina per il passaggio di carri e cavalli.

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

Lungo le pareti dell’antica via, 200 tombe circa di diverso tipo accolgono affiancate le sepolture, sia ad incinerazione che a inumazione, trovate negli scavi effettuati nel 1983 da parte del Gruppo Archeologico Romano.

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

Le tombe erano appartenenti probabilmente alla necropoli di Falerii Novi, distante pochi chilometri, nata in seguito alla distruzione di Falerii (detta Veteres per distinguerla e che si trovava dove nel medioevo sorse l’attuale centro storico di Civita Castellana).
In prossimità del Cavo degli Zucchi, interessante la presenza di due bellissime tombe a portico chiamate Tombe delle Regine contraddistinte da due occhielli posti sui portali d'ingresso ad indicarne l'alto rango della famiglia a cui sono appartenute.Di eccezionale bellezza la tomba della Regina, formata da tre archi e sorretta da due pilastri.

Cavo degli ZucchiCavo degli Zucchi

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.