#227 - 28 settembre 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Humour

Tempi...moderni?

Classifiche

di Giuseppe Sanchioni

Uno dei temi caldi di questa estate, oltre al clima con le sue trombe d’aria e i suoi fulmini, è stato il ritorno da parte delle autorità alla vecchia definizione di Padre e Madre sui documenti al posto degli attuali Genitore 1 e Genitore 2 oppure Genitore A e Genitore B.
Mi pare giusto: in fondo si trattava di sanare un’ingiustizia. Chi si poteva permettere di decidere qual era il Genitore numero 1 oppure quello di serie B? E il Genitore così definito da un estraneo come si sarebbe sentito? Che fine avrebbe fatto la sua autostima? Quante depressioni avrebbe causato? E invece così è tornato tutto come prima, con dei ruoli stabiliti e delle definizioni chiare.
Anche se a ben vedere fra uteri in affitto, con e senza equo canone, madri surrogate, padri assenti, embrioni surgelati in azoto e bimbi che appena nati vanno subito vaccinati contro l’influenza, fecondazioni eterologhe e avanti fantasticando le cose si sono complicate assai.
Intanto sarà necessario avere carte d’identità elettroniche sempre più capienti, con microchip da almeno 1 gigabyte oppure DVD Blu-Ray per poter annotare tutti gli eventuali genitori, col loro personale contributo molecolare, di questo albero genealogico che ormai è diventato una sequoia gigante. Oggi un figlio è il prodotto di un lavoro di squadra.

È caduto un altro mito del passato, quello che sosteneva che la madre è sempre certa. È un segno dei tempi incerti che viviamo.
In pochi lustri siamo passati dagli orfani, che non avevano i genitori, a quelli che ne hanno troppi e a volte anche un po’ confusi.
Per turbare le famiglie non bastava avere scoperto il DNA e quindi la tecnologia per stabilire se i figli che ti attribuiscono o di cui sei consapevole sono veramente tuoi. Ora li devi pure condividere con una schiera di estranei.
Ma, infine, la domanda che sorge spontanea è: ma qualcuno ha mai chiesto a questi figli se volevano nascere da genitori così classificati?

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----