#213 - 17 marzo 2018
AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

Revere - (Mantova)

Museo del Po

di Alessandro Gentili

Il Museo è collocato nel prestigioso Palazzo Ducale di Revere. Il Palazzo, antica fortezza, fu trasformato in elegante dimora ducale dal marchese di Mantova Ludovico II Gonzaga, che ne affidò il progetto all'architetto toscano Luca Fancelli.

Museo del PoMuseo del Po

Il Palazzo Ducale fu prima di tutto una fortificazione iniziata nel 1125 dai modenesi, poi conquistata dai mantovani che terminarono la costruzione.
Nel 1332 fu ceduta a Luigi Gonzaga e poi ereditata da Ludovico II che nel ‘400 affidò a Luca Fancelli, architetto-scultore, il compito di trasformarla in una prestigiosa residenza.

Museo del PoMuseo del Po

Nel ‘700 il Palazzo passò invece agli Asburgo, subì poi l’assedio delle truppe napoleoniche alla fine del settecento e rimase sotto il dominio francese fino al 1814.
Dal Congresso di Vienna in poi l’edificio rimase agli austriaci.

Museo del PoMuseo del Po

Un carattere originale del Palazzo è la presenza degli alti camini di stile veneto e il cortile, con al centro un bellissimo pozzo, contornato da un porticato con colonne e capitelli.
Il Museo, di proprietà comunale, è stato istituito nel 1983 e fin dall'origine ha avuto come temi centrali il fiume, il suo territorio e le sue genti; esso si propone come un museo "vivo" costantemente ancorato alla ricerca e ciò si è concretizzato con una fitta serie di incontri tematici sul fiume culminati con le due pubblicazioni sui mulini natanti.

Museo del PoMuseo del Po

Nella sala 6, ad esempio, sono esposti numerosi modellini che consentono di ammirare buona parte delle imbarcazioni in legno che dopo il mille solcarono le acque del Po. Dalle più ricche come il Bucintoro alle più semplici come il battello. Nella sala si trovano anche le più antiche imbarcazioni a vela, quelle più grandi e prestigiose oltre a rimorchiatori moderni, anche in ferro, mossi da potenti motori, che hanno operato nel XX secolo proprio nel tratto di fiume compreso fra Mantova e la foce. Trainavano o spingevano gabarre, rascone e bettoline. Queste ultime, soprattutto dopo che fu costruita la raffineria sui laghi di Mantova trasportano petrolio greggio, spesso proveniente dai porti adriatici e ionici.

Museo del PoMuseo del Po

Molto importante è il Bucintoro da parata dei Gonzaga che, transitando sul Mincio e nel tratto inferiore del Po, voleva rendere chiara la potenza e la ricchezza del ducato. Si tratta di una nave da divertimento, ideata prima dai Doge della Serenissima e poi imitata anche dai Gonzaga. Nella sala sono esposti anche vari tipi di battelli.

Museo del PoMuseo del Po

Appendice esterna del museo è il caratteristico mulino natante sul fiume: si tratta dell’unica ricostruzione in scala reale di un mulino natante perfettamente funzionante, a documentazione degli oltre 300 mulini natanti esistenti sul Po da Cremona alla foce agli inizi del ‘900.Attraverso la visita gli studenti potranno conoscere la storia e il funzionamento dei mulini, elementi distintivi del paesaggio e punti di riferimento della vita sociale ed economica del tempo, la vita quotidiana dei mugnai, protagonisti della vita del fiume fino agli anni ‘30.

Museo del PoMuseo del Po

PROVERBI ITALIANI - 1) A buon cavalier non manca lancia. - 2) A buon cavallo non manca sella. - 3) A buon intenditor poche parole. - 4) A caval donato non si guarda in bocca. - 5) A chi batte forte, si apron le porte. 6) A chi non vuol far fatiche, il terreno produce ortiche. - 7) A chi troppo e a chi niente. - 8) A chi ti porge un dito non prendere la mano. - 9) A goccia a goccia si scava la pietra- 10) A gran salita, gran discesa. -