#208 - 13 gennaio 2018
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Piccoli Grandi Musei Italiani

Bova Marina

Museo e sentiero

della civiltà Contadina

di Alessandro Gentili

Il Museo della Civiltà Contadina di Bova (RC), ospitato presso l’Istituto Ellenofono del comune Jonico Reggino, offre un interessante spaccato della vita agro pastorale dell’Area Grecanica tra Ottocento e Novecento.

Museo e sentieroMuseo e sentiero

Bova è la capitale dell’area grecanica. Dall’alto dei suoi 900 metri slm domina tutta l’area e gli altri paesi e borghi grecanici e custodisce gelosamente la sua storia, anche linguistica. presumibilmente entro le rocche dell’antico castello.
Il piccolo Museo etnografico non è solo testimonianza del recupero di una importante collezione di oggetti e strumenti della tradizione locale, ma vero e proprio lavoro di ricerca che lungo i secoli porta il visitatore ai giorni nostri offrendo un piccolo spaccato di produzioni artigianali e contadine locali ancora praticate all’interno del territorio bovese.

Museo e sentieroMuseo e sentiero

Parliamo della lavorazione del Bergamotto, ovviamente, ma non solo.
Di assoluto valore per i cimeli esposti e per le informazioni sulle attività attuali è la lavorazione della ginestra, che dà frutto a un tessuto unico e sempre più raro che a Bova Marina è ancora possibile trovare grazie ai telai e alle delicate competenze che chiunque può trovare presso la sede dell’Associazione Culturale “To Argalio”.
Ad arricchire l’importante serie di cimeli esposta presso il Museo della civiltà contadina dell’Area Grecanica è un completo e ricco percorso visivo che, con sapienza e completezza di informazioni, immerge il visitatore tra i costumi e le tradizioni della Bovesia.

Museo e sentieroMuseo e sentiero

Nell’allestimento museale, corredato da accurati pannelli esplicativi, si ritrovano reperti appartenenti al mondo agricolo e popolare, il telaio, il torchio, le botti, le falci, coltelli, e tutta una serie di strumenti e utensili, con pezzi che risalgano anche al diciassettesimo secolo.
“Chi ha olio, grano, vino e lana è quasi ricco” è il detto che ricorda il signor Micheletta, l’imprenditore emigrato che ha voluto omaggiare il suo paese di origine e la sua infanzia creando il Sentiero della civiltà contadina, un vero e proprio museo all’aria aperta; un percorso che si snoda tra i vicoli dello splendido paese di Bova, uno dei borghi più belli d’Italia, porta d’accesso meridionale del Parco Nazionale d’Aspromonte e riconosciuto “Comune gioiello d’Italia” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2013.

Museo e sentieroMuseo e sentiero

Il Sentiero accompagna il turista alla scoperta delle antiche macchine del lavoro contadino e pastorale installate tra le vie del paese, tra una dimora storica e una cucina ancora viva dalla quale fuoriescono profumi che riportano i sensi alle domeniche mattina di ogni bambino che abbia avuto dei nonni provenienti da una vita agra. Infatti, oltre ai nomi delle strade e degli edifici storici, anche le didascalie del Sentiero della civiltà contadina sono scritte in grecanico che, attenzione, non è un “greco antico” ma il greco delle colonie calabresi della Magna Grecia. Si tratta di un unicum linguistico che insieme alle altre unicità di zona rende una visita a Bova un obbligo morale per tutti i viaggiatori e curiosi che si trovano a trascorrere del tempo in Calabria.

Museo e sentieroMuseo e sentiero

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)