#207 - 1 dicembre 2017
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
turismo tempo libero

Speleologia a impatto zero

Premiato il tour virtuale dentro la grotta 'difficile'

in concomitanza con l'Anno Internazionale del Turismo Sostenibile

Speleologia a impatto zero

Non è facile parlare di turismo sostenibile in ambito speleologico.
Eppure ci sono idee e progetti che possono rendere accessibili a tutti anche le grotte difficili da esplorare.
È così che nasce il virtual tour dell'abisso "5 in condotta", scoperto solo cinque anni fa da altrettanti speleologi che hanno portato alla luce un reticolo di gallerie di ampie dimensioni e ambienti verticali per una lunghezza complessiva di 6 chilometri.

Speleologia a impatto zeroSpeleologia a impatto zero

Ci troviamo sulle pendici del Monte Secco, a Parre (provincia di Bergamo). Il tour virtuale - che consente l'esplorazione della grotta da qualunque dispositivo (compresi gli occhiali virtuali) e che utilizza una tecnologia molto simile a quella di Google Street View, resa possibile soprattutto grazie all'intervento di Piero Annoni (Google Trusted photographer) - è stato uno dei tre progetti premiati nell'ambito del concorso "Italia speleologica", promosso dalla Società speleologica italiana (Ssi).

Speleologia a impatto zeroSpeleologia a impatto zero

Il tema di questa edizione era proprio il turismo sostenibile. «Con questo premio intendiamo incentivare la diffusione di buone pratiche e studi scientifici, ma anche video e siti web che hanno protagonisti le grotte», spiega Vincenzo Martimucci, presidente Ssi. «Il concorso "Italia Speleologica" è in continua evoluzione.
Per migliorare sempre di più la divulgazione di questo tipo di iniziative stiamo infatti pensando di premiare, assicurando un contributo e la nostra collaborazione, i progetti prima siano effettivamente svolti e non "a consuntivo", come avviene adesso».
Una scelta non casuale, quella del tema.
L'Onu ha infatti indetto in questo 2017 l'Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo.

Speleologia a impatto zeroSpeleologia a impatto zero

Oltre al tour virtuale, che oltre a essere stato realizzato in modo volontaristico e senza fini di lucro permette di accedere a informazioni specifiche anche sulle singole stalattiti (basta un click), a completare il podio ci sono altri progetti.
Nel corso della cerimonia avvenuta a Finalborgo (Savona) in occasione del raduno internazionale di speleologia "FinalmenteSpeleo", sono state premiate altre due proposte di turismo sostenibile: un viaggio nei dettagli di un mondo da scoprire nelle grotte di Pertosa-Auletta (che prevede tra le altre cose corsi di formazioni per le guide) e il sentiero dei meno mille - Cai 1000 (si tratta di un percorso a tema speleologico sulle Apuane). A ciascuno dei tre progetti è stato consegnato un premio in denaro di 500 euro.

Speleologia a impatto zeroSpeleologia a impatto zero

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.