#197 - 8 luglio 2017
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

Stazione centrale - Milano

La sala reale

di Alessandro Gentili

La sala reale

Come ogni stazione, anche quella di Milano fu progettata per accogliere al suo interno migliaia di viaggiatori, tuttavia, per una famiglia in particolare, fu previsto un trattamento speciale. Si trattava dei Savoia, che vi potevano accedere da un’entrata riservata sul lato sud-est della stazione, in Piazza Luigi di Savoia.

La sala realeLa sala reale

Progettata nel 1931 dall’architetto Ulisse Stacchini, questa zona riservata è stata mantenuta fino a oggi e porta il nome di Padiglione Reale. realizzata su due piani, quest’area comprende la Sala Reale e la Sala delle Armi, in cui fanno mostra di sé preziosi bassorilievi che rappresentano scene e dinamiche belliche.
Come detto, la Sala Reale nacque proprio per ospitare la famiglia reale in un ambiente consono alla sua maestà, mentre si trovava in attesa della partenza del proprio convoglio al Binario 21. Re e regina avevano anche la possibilità di attendere il treno reale separatamente l’uno dall’altra, ciascuno in compagnia del proprio personale: al treno potevano accedere direttamente, dopo aver varcato le porte vetrate della Sala.
Ma non finisce qui: tutto l’arredo era curato nei minimi dettagli: il pavimento fu predisposto di legno intarsiato e accompagnava i reali lungo un corridoio ricco di decorazioni, marmi, mosaici e mobili d’arredo di grande valore.

La sala reale

Oggi la Sala è ancora presente in Stazione Centrale: un’atmosfera che riflette la maestosità del passato, un ambiente quasi surreale, per via del contrasto con il convulso traffico di passeggeri che affollano quotidianamente la stazione di Milano Centrale.
Sono infatti ancora presenti decori di gran lusso originali in stile impero degli anni Trenta: possiamo vedere grandi lampadari, fontane in marmo rosso, parquet intarsiati, poltrone dagli alti schienali (in voga in quegli anni).

La sala reale

Un’ulteriore curiosità la nasconde il già citato pavimento intarsiato: tra i tanti motivi decorativi, è presente anche la svastica, probabilmente inserita in previsione dell’accoglienza di Adolf Hitler, che tuttavia non attraversò mai questo Salone.
E ancora, come non parlare del bagno: espediente degno di un castello, dietro lo specchio si cela un passaggio segreto, che altro non era che una via di fuga in caso di estrema emergenza!
La Sala Reale è situata al piano binari e vi si si accede direttamente dal Binario 21. Un po’ di misure: l’ampiezza è di 416 metri quadrati e la sua capienza è di 245 persone in piedi (un centinaio sedute).

La sala reale

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)